CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 16/11/2018

Pestaggio e furto, nel buio di via Santa Lucia le immagini degli aggressori

Le indagini della polizia

Vasto, via Santa Lucia di seraNel buio che avvolge il quartiere attorno all'ospedale di Vasto, gli investigatori cercano i volti dei rapinatori. Li cercano nelle immagini registrate dalle telecamere installate nella zona di via Santa Lucia. E' lì che mercoledì sera, attorno alle 20,45, due uomini hanno aggredito un infermiere di 46 anni e scippato, pochi minuti dopo, una tirocinante del corso per operatori socio sanitari. 

"C'era anche un terzo uomo che faceva da palo", ha raccontato Pierpaolo Giaccio, l'infermiere del reparto di Rianimazione brutalmente scaraventato a terra e malmenato, che all'ospedale poi è finito da paziente con la frattura composta del setto nasale e un occhio tumefatto [VIDEO]. "Parlavano bene l'italiano": quest'ultimo particolare raccontato dalla vittima fa propendere gli agenti del commissario capo Fabio Capaldo per la pista locale e a considerare secondaria la pista straniera. Con molta probabilità, gli aggressori sono italiani. E sono elevate le possibilità che siano responsabili di entrambi i raid. 

I poliziotti della scientifica guardano le immagini delle telecamere che possono aver ripreso i movimenti dei malviventi, che nel primo colpo erano incappucciati, ma nel secondo hanno agito a volto scoperto. Non sono riusciti a rubare nulla. Potrebbero essersi traditi scoprendo i loro visi. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi