Brutalmente aggredito un 46enne: naso fratturato e danni a un occhio. "Violenza inaudita" - La polizia a caccia dei due rapinatori
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 15/11/2018

Brutalmente aggredito un 46enne: naso fratturato e danni a un occhio. "Violenza inaudita"

La polizia a caccia dei due rapinatori

Vasto: Pronto soccorso dell'ospedale San Pio da PietrelcinaOre 9,55 - "Stiamo andando ora in Commissariato a sporgere querela", dice Rosario Di Giacomo, l'avvocato di P.G., il 46enne aggredito ieri sera a Vasto. "E' stata un'aggressione di una violenza inaudita. Il mio cliente è stato scaraventato a terra e preso a calci da due uomini incappucciati, riportando la frattura composta del setto nasale e danni a un occhio. Sarebbe andata peggio, se non si fosse messo a urlare e se una donna che risiede nelle vicinanze non avesse sentito le urla e allertato la polizia, causando la fuga degli aggressori. Quello che è accaduto è gravissimo: un cittadino non può neanche camminare liberamente, perché rischia di essere brutalmente malmenato e rapinato". 

Indagano gli agenti del Commissariato di Vasto sulla brutale aggressione avvenuta ieri sera in città. Attorno alle 20,50, gli agenti del commissario Fabio Capaldo sono intervenuti in via Santa Lucia su segnalazione di residenti della zona che avevano assistito all'agghiacciante episodio.

Un quarantaseienne è stato aggredito da due persone, che lo hanno malmenato: calci e pugni al volto e in altre parti del corpo. Poi l'uomo è riuscito a fuggire. 

Sul posto è intervenuta una volante del Commissariato di via Bachelet. Gli agenti hanno acquisito le prime, sommarie informazioni necessarie ad avviare le indagini e ora cercano di identificare i due responsabili che, con violenza inaudita, a scopo di rapina si sono scagliati contro la vittima.

Sull'inchiesta in corso, il commissario Capaldo preferisce mantenere il massimo riserbo. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi