Comune esce da Pulchra, Consiglio approva la vendita del 51% delle azioni: Sapi ora ha il 100% - Tre consiglieri di centrodestra querelati dall’ad, pm chiede archiviazione
 
Vasto   Politica 12/11/2018

Comune esce da Pulchra, Consiglio approva la vendita del 51% delle azioni: Sapi ora ha il 100%

Tre consiglieri di centrodestra querelati dall’ad, pm chiede archiviazione

Da sinistra Vincenzo Toma, dirigente del settore finanziario del Comune di Vasto, e Francesco MennaDiretta video: GUARDA

Ore 14.00 - Il consiglio comunale con 15 voti a favore e 3 contrari ha approvato la vendita delle quote comunali della Pulchra alla Sapi per 1.160.000 euro (base d'asta 1.150.000 euro). Di fatto la Sapi diventa proprietaria del 100%. Nell'opposizione, Guido Giangiacomo, Edmondo Laudazi, Vincenzo Suriani e Davide D'Alessandro. Alla seduta hanno partecipato i funzionari municipali Vincenzo Toma, Stefano Monteferrante, Simona Di Mascio e Francesca Gizzarelli.

TRE CONSIGLIERI QUERELATI - Durante il proprio intervento, il consigliere Guido Giangiacomo (Forza Italia) ha rivelato che insieme ai colleghi Vincenzo Suriani (Fratelli d'Italia) ed Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro) è stato querelato da un legale rappresentante della Pulchra. La querela si riferirebbe a dichiarazioni fatte nei mesi scorsi su una consulenza legale riguardante la società. Dopo la verifica, il sindaco Menna ha dichiarato in aula che i tre esponenti possono partecipare al voto di oggi.
Davide D'Alessandro ha annunciato che non parteciperà al voto come atto di solidarietà ai tre consiglieri di minoranza querelati.
In un successivo intervento, Giangiacomo ha riferito che il pm Pecoraro ha chiesto l'archiviazione.

PULCHRA IN VENDITA - E' la vendita della quota di maggioranza della Pulchra il terreno di scontro di questa seduta del Consiglio comunale di Vasto. Convocata dal presidente, Mauro Del Piano, l'assemblea civica si riunisce oggi, come da consuetudine, in seconda convocazione.  Il Comune ha messo in vendita il suo 51% delle azioni della spa mista pubblico-privato che gestisce in città la raccolta differenziata e lo spazzamento delle strade. Istituita negli anni Novanta, la Pulchra ha un socio privato, la Sapi di Gianni Petroro, che detiene una partecipazione azionaria pari al restante 49%. L'unica offerta pervenuta per l'acquisto della quota di maggioranza è stata formulata proprio dalla Sapi. 

Nei giorni scorsi, in una lettera indirizzata al sindaco, Francesco Menna, il Movimento 5 Stelle ha chiesto all'amministrazione comunale di centrosinistra di fare un passo indietro, sostenendo che il pacchetto azionario del 51% sia stato valutato al ribasso e ipotizzando il danno erariale [LEGGI]. 

Vasto: parco mezzi della PulchraDi diverso avviso l'assessora all'Ambiente, Paola Cianci: "Come da impegni presi in occasione dell'approvazione della delibera del Consiglio comunale numero 103 del 27 settembre 2017, torniamo in aula per affrontare la discussione sul futuro della gestione dei rifiuti nella massima trasparenza, sempre nell'interesse pubblico e del buon andamento dell'amministrazione comunale. Saranno presenti i dirigenti dei settori competenti che hanno elaborato una relazione tecnico-economica che sicuramente sarà utile indirizzo per i consiglieri comunali rispetto alla strada da intraprendere".

DECRETO SICUREZZA - "Gli esponenti della sinistra scriveranno e voteranno (da soli) una bella lettera al Governo in cui chiederanno di sospendere il cosiddetto Decreto Sicurezza, e gli effetti di quest’ultimo sui carrozzoni della immigrazione regolare, i cosiddetti Sprar". Annunciano battaglia i consiglieri di centrodestra e Il nuovo Faro, Davide D'Alessandro (Vasto 2016), Guido Giangiacomo (Forza Italia), Vincenzo Suriani (Fratelli d'Italia), Edmondo Laudazi (Il nuovo Faro) e Alessandro d'Elisa (gruppo misto), secondo cui le forze politiche di maggioranza "chiederanno, in poche parole, che vengano mantenuti i 35 euro al giorno per ogni immigrato, invitando il Ministro Salvini a ritirare il Decreto Sicurezza, già convertito in legge. 

Loro proteggono e pensano agli immigrati, e impegnano il Consiglio comunale in gesti di propaganda che ovviamente non sortiranno alcun effetto sul Governo. Contemporaneamente per i vastesi, per i nostri concittadini in difficoltà, per la nostra sicurezza, il nulla, nessun impegno, nessun concreto potenziamento, l'ennesimo schiaffo in faccia ai vastesi che pagano regolarmente le tasse e a quelli che vivono in condizioni di disagio. Ma, si sa, le priorità di Lapenna e Menna sono ben altre.
Ancora più paradossale, in tanta tristezza - attaccano i cinque consiglieri - è che il primo firmatario di questo surreale provvedimento sia il consigliere Marco Marra che ricordiamocelo, lavora proprio come sociologo in questi Sprar".

L'ORDINE DEL GIORNO - Questi i punti all'ordine del giorno:

1) Approvazione verbali seduta precedente del 22 ottobre 2018.

2) Interrogazioni ed Interpellanze:

Interrogazione presentata il 16.10 2018, n. 55770 di prot., dai consiglieri Marco Gallo e Dina Carinci sulla Gestione dei Servizi Informatici dell’Ente Comune;

Interrogazione presentata il 23.10.2018, n. 56903 di prot., dal consigliere Vincenzo Suriani sui divieti di balneazione;

Interpellanza presentata il 24.10.2018, n. 57251 di prot., dal cons. Edmondo Laudazi sul “ progetto di fattibilità per la realizzazione della Isola Ecologica con annesso Centro Comunale per il riuso, in loc.San Leonardo, di cui alle delibere G.C. n. 246 e n. 247 del 04.09.2018”;

Interrogazione presentata il 25.10.2018, n. 57468 di prot., dai consiglieri Marco Gallo e Dina Carinci “ sull’affidamento della manutenzione del verde della Villa Comunale alla ditta Universo Sociale Onlus Cooperativa Sociale tipo BP”;

Interrogazione presentata il 30.10.2018, n. 58526 di prot., dal consigliere Vincenzo Suriani in merito alla pubblicazione delle deliberazioni di Giunta Comunale;

Interrogazione presentata il 02.11.2018, n. 58838 di prot., dai consiglieri Francesco Prospero e Alessandra Cappa sull’impianto semaforico di viale “ Paul Harris”;

Interpellanza presentata il 02.11.2018, n. 58838 di prot., dal consigliere Francesco Prospero avente ad oggetto “Attenzione alle rotatorie intelligenti”;

Interpellanza presentata il 02.11.2018, n. 58838 di prot., dal consigliere Francesco Prospero, avente in oggetto: “ I cittadini vastesi della zona confinante con la città di San Salvo sono abbandonati da anni”.

Interpellanza presentata il 02.11.2018, n. 58908 di prot., dal consigliere Alessandro d’Elisa avente in oggetto: “Violazione da parte del Comune di Vasto del D.Lgs. n. 81/08 (c.d. T.U. Sicurezza) e s.m.i., in ordine alle tutele da predisporre per la sicurezza e salute dei dipendenti comunali”;

Interrogazione presentata il 05.11.2018, n. 59094 di prot., dai consiglieri Alessandra Cappa e Francesco Prospero sui servizi affidati alle Cooperative “ Matrix” e “ Pianeti Diversi “ in ordine alla gestione dello SPRAR;


3) Società Partecipata “Pulchra Ambiente S.P.A.” - Provvedimenti.

4) Iniziative per il miglioramento delle condizioni di sicurezza dei cittadini vastesi e della città – provvedimenti;

5) Mozione presentata il 23.10.2018 – n. 56901 di prot.- dal consigliere Vincenzo Suriani sul complesso archeologico “ Terme Romane” .

6) Mozione presentata il 25.10.2018, n. 54768 di prot., dai consiglieri Dina Carinci e Marco Gallo avente in oggetto “ Aree verde pubblico” .

7) Mozione presentata il 25.10.2018, n. 54768 di prot., dai consiglieri Dina Carinci e Marco Gallo riguardante l’Intervento di limitazione dell’uso della plastica usa e getta, ecc.

8) O.d.g. riguardante l’Impatto sui territori del decreto legge 4 ottobre 2018 n. 113 in materia di immigrazione e sicurezza.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi