"Il Comune ci consenta di avere un rappresentante nel comitato di gestione di Punta Aderci" - La richiesta di Oasi, l’associazione degli imprenditori di Punta Penna
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 08/11/2018

"Il Comune ci consenta di avere un rappresentante nel comitato di gestione di Punta Aderci"

La richiesta di Oasi, l’associazione degli imprenditori di Punta Penna

Pietro Marino"L’associazione Occupazione, Ambiente, Sviluppo Industriale (OASI) nei giorni scorsi ha formalizzato, al sindaco di Vasto e all’assessore all’Ambiente, la richiesta affinché un suo delegato venga nominato in seno al Comitato di Gestione della Riserva Naturale di Punta Aderci".

Lo rende noto Pietro Marino, presidente del sodalizio. 

"L’istanza trova la sua motivazione nella volontà da parte dell’associazione, che raccoglie prevalentemente l’adesione degli operatori economici di Punta Penna, di contribuire alla risoluzione delle problematiche di natura economica e ambientale, come testimoniato dallo stesso statuto e atto costitutivo.

Nella stessa comunicazione l’associazione ha chiesto di partecipare al tavolo comunale dell’ambiente e si auspica, nel prossimo futuro, il pieno coinvolgimento nei processi decisionali e amministrativi, con la possibilità, quindi, di offrire un fattivo e concreto contributo di idee , proposte e di sviluppo ecosostenibile .

I componenti dell’associazione sono già al lavoro per redigere un piano di attività che porterà, a breve, anche a incontri pubblici, ponendo al centro del dibattito la ripresa socio economica e occupazionale dell’intero territorio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi