L’arena fatiscente chiusa da tre anni. Forte: "Lavoriamo per reperire i fondi" - Cancelli sbarrati anche nel 2018. Per decenni ha ospitato centinaia di spettacoli
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 27/10/2018

L’arena fatiscente chiusa da tre anni. Forte: "Lavoriamo per reperire i fondi"

Cancelli sbarrati anche nel 2018. Per decenni ha ospitato centinaia di spettacoli

Vasto: un pilastro dell'Arena comunale alle GrazieL'Arena comunale alle Grazie di Vasto è inagibile da tre anni. Non ha più i requisiti minimi richiesti dalla legge perché locali interni ed emiciclo possano ospitare gli spettacoli.

Per decenni, è stata la sede di centinaia di manifestazioni dei generi più disparati. Per la terza estate di fila, i cancelli sono rimasti chiusi. 

"E' fatiscente", conferma l'assessore al Patrimonio, Luigi Marcello. "Siamo a conoscenza della situazione, tant'è che nel 2016, si è svolta solo la Festa del Ritorno tramite una deroga firmata dal sindaco Menna. Camerini e bagni sono inagibili, tant'è che ormai è chiusa da due anni".

"I gradoni - spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Forte - sono troppo alti, non sono in regola con le norme vigenti. Ci stiamo già lavorando per reperire i fondi necessari, una cifra non indifferente, e per inserirla in bilancio. Dobbiamo anche tenere conto che quella zona, contigua alle Terme Romane, è sotto controllo della Sovrintendenza, che deve dare il via libera ad ogni intervento".

Non è esclusa l'ipotesi che, nella ristrutturazione, possa essere realizzata anche una copertura per rendere fruibile la struttura dodici mesi all'anno.  

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi