Mezzo secolo di scoutismo in città: per il gruppo Agesci Vasto 1 inizia l’anno del 50° - Con l’Uscita dei Passaggi al via gli appuntamenti per celebrare una lunga storia
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 25/10/2018

Mezzo secolo di scoutismo in città: per il gruppo Agesci Vasto 1 inizia l’anno del 50°

Con l’Uscita dei Passaggi al via gli appuntamenti per celebrare una lunga storia

Per il gruppo scout Agesci Vasto 1 l'anno associativo iniziato lo scorso fine settimana, con la tradizionale Uscita dei Passaggi, ha un sapore davvero speciale. Il gruppo, infatti, nel 2019 taglierà l'importante traguardo dei cinquant'anni di attività. Mezzo secolo di scoutismo cattolico a Vasto, nel segno del movimento mondiale fondato da Lord Baden Powell of Gilwell, che in tutti questi anni ha visto passare come lupetti o coccinelle, esploratori e guide, rover e scolte e Capi, generazioni di vastesi e non solo.

Alla fine degli anni '60, nel quartiere dove erano appena arrivati i Salesiani per far nascere scuola professionale, oratorio e poi parrocchia, un primo nucleo di ragazzini diede vita alle prime esperienze di scoutismo, guidati dal carisma di Don Sidney Stella e del coaudiutore Roberto Calcaterra. Quel gruppo - il cui primo censimento è datato 1969 - iniziò subito a crescere, attraversando diverse fasi della storia dello scoutismo, come la fusione dell'associazione maschile, Asci, e quella femminile, Agi, per dar vita all'Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani), nel 1974. Al primo capo, Tonino Selleri, giunto a Vasto per lavorare allla Siv, ne sono seguiti tanti altri che, ancora oggi, guidano il percorso educativo dei ragazzi.

Tanta storia e tante esperienze significative, in particolare quelle di servizio in luoghi d'Italia e d'Europa dove c'era necessità di mettersi a servizio degli ultimi. Lo scorso fine settimana, al Bosco di Don Venanzio, gli scout di oggi hanno potuto incontrare tanti loro fratelli e sorelle maggiori del passato da cui hanno potuto raccogliere testimonianze ed emozioni che segnano il percorso di chi sceglie lo scautismo. Domenica il via ufficiale alle attività, con la presentazione del logo realizzato da Franco Sacchetti che rappresenta la strada fatta dallo scoutismo vastese e il lancio delle iniziative che caratterizzeranno l'anno del gruppo Vasto 1.

Ci saranno diversi momenti anche per incontrare nuovamente tutti quei ragazzi vastesi, ormai divenuti adulti, che si sono formati seguendo lo stile scout. Già dalle prossime settimane iniziative particolari coinvolgeranno la realtà dell'Oratorio Salesiano, dove ancora oggi l'associazione è presente, unendo allo spirito scouto il carisma di Don Bosco, e tutta la città. Il gruppo ha anche creato una pagina facebook [CLICCA QUI] dove rendere noti tutti gli appuntamenti dell'anno del 50°.

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi