Staccata la testa del monumento all’emigrante di Fresagrandinaria - Denuncia del sindaco Di Stefano contro ignoti
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Fresagrandinaria   Cronaca 23/10/2018

Staccata la testa del monumento all’emigrante di Fresagrandinaria

Denuncia del sindaco Di Stefano contro ignoti

La testa del monumento spaccataIl monumento dedicato agli emigranti di Fresagrandinaria è rimasto senza testa. Qualche notte fa, ignoti hanno staccato la testa della statua rinvenuta spaccata, la mattina successiva, lì accanto. L'atto vandalico è avvenuto in pieno centro, in via IV Novembre, a pochi passi dal municipio.

L'opera è stata realizzata circa sette anni fa dallo scultore Ettore Altieri, quello danneggiato era un blocco unico; il monumento è poi completato dalla riproduzione di una valigia rimasta intatta. Ora, lo stesso artista provvederà a mettere riparo a questo sfregio.

Il tema dell'emigrazione è fortemente sentito a Fresagrandinaria che nel corso degli anni ha stabilito contatti e legami con le città europee nelle quali sono nate folte comunità di cittadini originari del piccolo comune dell'entroterra vastese. Un esempio è quello della cittadina tedesca di Püttlingen con la quale da tempo sono in atto scambi culturali che danno vita a diverse iniziative soprattutto nel periodo estivo; nel giugno scorso al suo ex sindaco Rudolf Müller è stata conferita la cittadinanza onoraria [LEGGI].

Dopo l'amara sorpresa, il sindaco Giovanni Di Stefano ha presentato una denuncia contro ignoti ai carabinieri della locale stazione. In passato si sarebbero verificati altri piccoli danneggiamenti in zona, per questo, ora, il primo cittadino non esclude l'installazione di telecamere.

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi