Statale 16 e via Valloncello, automobilisti e residenti: "Branchi di cinghiali" - Fioccano le segnalazioni di automobilisti e residenti
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 17/10/2018

Statale 16 e via Valloncello, automobilisti e residenti: "Branchi di cinghiali"

Fioccano le segnalazioni di automobilisti e residenti

(foto di repertorio)Sta suscitando un botta e risposta social la proposta di castrazione chimica dei cinghiali per frenarne la proliferazione. 

Ad avanzarla è stato Paolo Leonzio, presidente dell'associazione Eco Schools Abruzzo Ambiente e Cultura, ipotizzando che la cattura, consentita dall'Ispra nella fascia di protezione esterna della Riserva naturale di Punta Aderci, possa essere considerata maltrattamento degli animali. 

Fioccano le testimonianze riguardanti cinghiali avvistati dagli automobilisti sulle strade di Vasto e del Vastese. Segnalato un branco di ungulati in via Valloncello, nella zona occidentale di Vasto, nei pressi della circonvallazione Istoniense.

N.R., lettore di Zonalocale ricorda "i rischi che si corrono ogni giorno per andare a lavorare", raccontando che due sere fa "nel tratto Casalbordino-Torino di Sangro sembrava di stare a Vasto Marina in pieno Ferragosto per quanti cinghiali c'erano per strada". E chiede l'abbattimento.

Un'ulteriore segnalazione giunge da una automobilista in transito stamani in località Casarza: davanti alla sua auto, quattro grossi ungulati hanno attraversato la carreggiata.

Il problema è serio: decine di incidenti stradali provocati da branchi che passano sulle arterie extraurbane, soprattutto la statale 16, ma sempre più spesso anche le strade urbane. Danni ingenti anche nelle campagne: distrutti interi raccolti di ortaggi e frutta. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi