Omicidio di Vasto, le motivazioni della riduzione di pena: è caduta un’aggravante - La sentenza di secondo grado
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 09/10/2018

Omicidio di Vasto, le motivazioni della riduzione di pena: è caduta un’aggravante

La sentenza di secondo grado

L'aula in cui si è svolto il processo di secondo gradoSecondo i giudici d'appello, non c'è l'aggravante della minorata difesa. È stata questa motivazione a determinare la riduzione della pena di Fabio Di Lello, il 35enne condannato in primo grado a trent'anni di carcere e in secondo a venti per l'omicidio di Vasto.

E' quanto si evince dalle motivazioni della sentenza della Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila. Depositato il documento di una trentina di pagine in cui sono contenuti i motivi di fatto e di diritto che hanno portato i giudici del capoluogo a riformare parzialmente il verdetto di primo grado. 

Il 1° febbraio del 2017 Di Lello aveva ucciso Italo D'Elisa, il 21enne che esattamente 7 mesi prima, il 1° luglio 2016, aveva causato la morte della moglie di Di Lello, Roberta Smargiassi, 34 anni, in un incidente stradale all'incrocio tra corso Mazzini e via Giulio Cesare.

Al termine del processo di primo grado, il 24 marzo 2017, la Corte d'Assise di Lanciano, presieduta da Marina Valente, aveva condannato l'ex calciatore a trent'anni di reclusione. 

Nel processo d'Appello, l'accusa, rappresentata dal pm Pietro Mennini, aveva chiesto al collegio giudicante la conferma della pena comminata in primo grado all'imputato. La Corte, presieduta da Luigi Catelli, ha ridotto la pena a vent'anni, escludendo l'aggravante della minorata difesa. In giudizio, gli avvocati difensori hanno sostenuto che Di Lello si trovava in uno stato di grave depressione determinato dalla morte della consorte e diagnosticatogli in carcere, dove al trentacinquenne viene fornito costante sostegno di uno psicologo. 

"Non commentiamo il verdetto", si limita a dire l'avvocato Pierpaolo Andreoni che, insieme al suo collega Giuliano Milia, difende l'ex atleta. "Stiamo analizzando la sentenza, che è molto corposa e contiene numerose questioni di diritto. Poi valuteremo se presentare ricorso per Cassazione".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi