Bivacchi nel cantiere, CasaPound: "Ora si faccia lo sgombero" - Ciarallo: "Lieti che l’appello sia stato ascoltato, ma non ancora soddisfatti"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 05/10/2018

Bivacchi nel cantiere, CasaPound: "Ora si faccia lo sgombero"

Ciarallo: "Lieti che l’appello sia stato ascoltato, ma non ancora soddisfatti"

Una delle foto diffuse da CasaPound“Siamo lieti che il nostro appello al sindaco Menna sulla soluzione del problema dell’occupazione abusiva degli stabili in costruzione in Via Rossetti non sia rimasto inascoltato, anche se non possiamo dirci ancora soddisfatti”. Andrea Ciarallo, responsabile di CasaPound a Vasto, commenta la risposta del sindaco, Francesco Menna, alla richiesta di sgombero di un edificio in costruzione in via Rossetti, in cui gli attivisti del movimento di destra hanno fotografato i resti dei bivacchi notturni. Il primo cittadino ha chiesto ad Asl e polizia locale di eseguire controlli. 

“Il blitz nello stabile – prosegue Ciarallo – che fa seguito alla nostra segnalazione corredata da fotografie, sullo stato di degrado in cui versa la struttura, restituisce ai residenti in Via Rossetti un minimo di fiducia nelle istituzioni. Dopo che per troppo tempo hanno avuto la sensazione di essere abbandonati alla convivenza forzata con i criminali e sbandati che nell'edificio mai terminato trovano rifugio. Tuttavia non possiamo ancora dire che siano state finora intraprese azioni concrete per risolvere il problema.

In attesa che si proceda con lo sgombero e sopratutto la messa in sicurezza dello stabile – prosegue Ciarallo - unica soluzione che permetterà di ridare sicurezza ai cittadini e decoro a via Rossetti, continueremo con le segnalazioni delle occupazioni abusive e delle aree degradate di Vasto. Vere e proprie zone franche, dimora di sbandati e criminali. Vista la situazione in cui versano tanti quartieri della nostra città, possiamo già dire che il nostro sarà un impegno a lungo termine”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi