"Ho chiesto ad Asl e polizia locale di controllare edifici e cantieri abbandonati" - Menna risponde a CasaPound sui bivacchi negli stabili abbandonati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 03/10/2018

"Ho chiesto ad Asl e polizia locale di controllare edifici e cantieri abbandonati"

Menna risponde a CasaPound sui bivacchi negli stabili abbandonati

Francesco Menna"Il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ha chiesto alla Asl e alla polizia locale di verificare le condizioni dei cantieri edilizi e fabbricati privati, in stato di abbandono presenti sul territorio". Lo annuncia una nota del municipio. 

"E’ una situazione che eredito", precisa Menna. "I cantieri edilizi in stato di abbandono sono il frutto di uno dei tanti problemi generati dalle previsioni urbanistiche del passato e su questa vicenda sin dal mio insediamento ho chiesto agli organi competenti di verificare sempre la situazione dal punto di vista igienico sanitario e della sicurezza. Continua questa attenzione in città e attendo le risultanze dei sopralluoghi della polizia locale al fine di valutare l’eventuale adozione degli atti conseguenti". 

Sul cantiere di via Dante Gabriele Rossetti, di cui CasaPound ha diramato oggi agli organi d'informazione le foto di resti di bivacchi notturni, "il Comune di Vasto non è disinteressato alla vicenda, ma al contrario e si è anche attivato con la propria Avvocatura, per recuperare, anche attraverso il pignoramento dei canoni di locazione, le ingenti sanzioni di natura edilizia comminate all’impresa che ha realizzato l’immobile".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi