Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 24/09/2018

"Investiti, avvelenati, spariti: continua la moria di gatti in corso Mazzini"

La richiesta: "Realizzare un gattile"

Alcuni avvelenati, altri investiti dalle auto, altri ancora spariti. Continua la moria di gatti in corso Mazzini, a Vasto.

A distanza di alcuni mesi, L.P., una residente, torna a scrivere a Zonalocale "per segnalare la pericolosità di corso Mazzini. Io e la mia famiglia ci prendiamo cura di alcuni randagi che sono sotto casa nostra. L'anno scorso sono nati 4 cuccioli, purtroppo sopravvissuti solo pochi mesi: uno dei mici è stato avvelenato, uno morto investito e gli altri due scomparsi nel nulla.

Per farvi un sunto sono praticamente morti tutti, quasi dieci gatti nel giro di un anno. Mi sento di scrivervi perché il randagismo è un problema serio, perché bisognerebbe sensibilizzare l'opinione pubblica alla sterilizzazione, che al momento è tutto ciò che possiamo fare affinché meno creature siano esposte al rischio di essere investite. Abito in Corso Mazzini, la strada è molto trafficata e c è un serio problema di vetture che superano abbondantemente il limite di velocità, sia di giorno che di notte.

Sarebbe opportuno installare dei rallentatori. Abbiamo trovato tanti mici morti investiti, e nessuno che si preoccupi di rimuoverli, a parte poche persone come me, i miei famigliari e alcuni volontari. Rivolgo un appello alle istituzioni e al sindaco per tutelare maggiormente i randagi, per promuovere ed attuare una campagna di sterilizzazione e anche per la realizzazione di un gattile".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi