Malore per strada: muore l’avvocato Bontempo, anima dell’Azienda di soggiorno e del Premio Vasto - Lutto nel mondo della cultura abruzzese
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Personaggi 21/09/2018

Malore per strada: muore l’avvocato Bontempo, anima dell’Azienda di soggiorno e del Premio Vasto

Lutto nel mondo della cultura abruzzese

Roberto Bontempo alla presentazione del Premio Vasto 2016Il mondo culturale abruzzese è in lutto. E' morto l'avvocato Roberto Bontempo. Aveva 87 anni. Se n'è andato all'improvviso stamani, colto da un malore mentre camminava in corso Nuova Italia. Inutili i soccorsi: ha ceduto il cuore dell'avvocato, che oltre mezzo secolo fa aveva inventato uno degli appuntamenti culturali più logevi d'Abruzzo e non solo: il Premio Vasto di arte contemporanea, la creatura che ha amorevolmente curato fino all'edizione inaugurata durante l'estate. Al vernissage della mostra allestita nelle Scuederie di Palazzo Aragona Zonalocale lo aveva intervistato dopo che lui, con la sua solita ironia pungente, il tratto caratteristico della sua intelligenza, aveva raccontato le difficoltà a tenere in piedi un appuntamento del genere in tempi di vacche magre [VIDEO].

L'avvocatura aveva rappresentato una parte importante della sua vita e, del resto, i vastesi lo chiamavano semplicemente col suo titolo professionale, "avvocato", come da queste parti si usa ancora in segno di rispetto, e non per nome. Lui, che oltre a essere il padre del Premio Vasto, fu per molti anni a capo dell'Azienda di soggiorno e turismo, fino alla sostituzione di questa con l'Aptr, l'azienda di promozione turistica regionale. "Proprio per questa sua personalità eclettica - sottolinea Vittorio Melone, presidente dell'Ordine degli avvocati di Vasto - quando è stato componente del Consiglio dell'Ordine ha curato le relazioni esterne sia con la società civile, sia con le istituzioni forensi regionali e nazionali".

Occhi vispi, battuta sempre pronta e onestà intellettuale, l'avvocato non mancava di bacchettare la politica, quando lo riteneva necessario. Da oggi, il mondo della cultura locale e regionale è più povero.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi