Oltre 2 chili di hashish nell’auto e in casa, scarcerato ex dirigente sportivo: obbligo di dimora - Il 54enne era stato fermato al casello di Vasto Nord
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 20/09/2018

Oltre 2 chili di hashish nell’auto e in casa, scarcerato ex dirigente sportivo: obbligo di dimora

Il 54enne era stato fermato al casello di Vasto Nord

Vasto: la conferenza stampa dopo l'arrestoSi attenua la misura restrittiva nei confronti del dirigente sportivo arrestato a Vasto con oltre due chili di hashish.

Il gip del Tribunale di via Bachelet ha disposto la scarcerazione di Chatiri Said e, contestualmente, l'obbligo di dimora a Ortona, dove risiede.

L'operazione era scattata l'8 luglio scorso [LEGGI]. I particolari del blitz erano stati raccontati in una conferenza stampa dal commissario capo Fabio Capaldo, dirigente del Commissariato di Vasto. Quel giorno, gli agenti avevano fermato, al casello autostradale di Vasto Nord, il 54enne di origini marocchine, conosciuto a Ortona per essere stato dirigente di una squadra di calcio giovanile. Nell'auto, i poliziotti avevano trovato 5 tavolette di hashish del peso complessivo di un chilo e 600 grammi. Poi avevano eseguito una perquisizione nella casa dell'uomo. Lì avevano scoperto altri 600 grammi di hashish suddivisi in tavolette e ovuli.

Il 54enne era stato arrestato e condotto nel carcere di Torre Sinello a Vasto.

Oggi il giudice per le indagini preliminari ha accolto l'istanza presentata dall'avvocato difensore, Gianni Menna, modificando la misura restrittiva da custodia cautelare in carcere a obbligo di dimora.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi