"Piccioni morti, le prime analisi confermano i sospetti di avvelenamento" - Del caso si occupano Geav e Comune
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 13/09/2018

"Piccioni morti, le prime analisi confermano i sospetti di avvelenamento"

Del caso si occupano Geav e Comune

Vasto, via Vittorio Veneto: piccione morto trovato dalle guardie ecologiche nei giorni scorsi"Le prime analisi hanno confermato i nostri sospetti di avvelenamento". Marco Cannarsa, responsabile delle guardie ecologiche volontarie di Vasto, ha ricevuto dal Servizio veterinario della Asl Lanciano-Vasto-Chieti i risultati degli esami su uno dei piccioni trovati morti nei giorni scorsi nel centro storico.

I volontari dell'associazione ambientalista hanno riferito di aver rinvenuto, tra la città antica e la villa comunale, più di trenta carcasse di colombi, oltre a due gatti morti.

Anche uno dei felini è stato sottoposto agli accertamenti dell'azienda sanitaria, che ha riscontrato, in quel caso, delle fratture: "E' stato investito", spiega Cannarsa. "Invece, dalle prime analisi sui piccioni, è scaturito un risultato compatibile con l'avvelenamento. Sono stato ricevuto in municipio dall'assessore ai Servizi, Gabriele Barisano. Il Comune avvierà ulteriori accertamenti per capire la causa dell'avvelenamento e individuare eventuali responsabili". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi