Tartaruga liberata dopo le cure: torna in mare nel 4° anniversario del salvataggio dei capodogli - L’iniziativa per ricordare lo spiaggiamento delle balene
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 12/09/2018

Tartaruga liberata dopo le cure: torna in mare nel 4° anniversario del salvataggio dei capodogli

L’iniziativa per ricordare lo spiaggiamento delle balene

Vasto: la tartaruga liberata stamani nel mare antistante Punta PennaQuattro anni fa, il 12 settembre 2014, una catena umana di soccorsi salvò 4 dei 7 capodogli spiaggiati a Punta Penna. Oggi, su quella stessa spiaggia, che si trova all'ingresso della Riserva naturale di Punta Aderci, quegli eventi sono stati ricordati in un appuntamento tra studenti e organizzazioni ambientaliste, cui hanno partecipato il sottosegretario all'Ambiente della Regione Abruzzo, Mario Mazzocca, il presidente del Centro studi cetacei, Vincenzo Olivieri, il direttore dell'Arta Abruzzo, Francesco Chiavaroli, e l'amministrazione comunale di Vasto, rappresentata dal sindaco, Francesco Menna, e dalle assessore Paola Cianci e Anna Bosco. 

Al termine della mattinata, 4 imbarcazioni sono partite dal porto di Punta Penna per liberare in mare una testuggine che, dopo essere stata ferita da un'elica, è stata ricoverata e riabilitata di recente nel Centro recupero tartarughe marine Luigi Cagnolaro di Pescara. 

Il video della liberazione di Feroce, uno splendido esemplare della sprcsp Caretta caretta, e l'intervista al presidente del Centro studi cetacei, Vincenzo Olivieri.

Guarda il video

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Punta Aderci, tartaruga liberata dopo le cure

Intervista di Michele D'Annunzio - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina



 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi