Moria di animali in centro: dopo i piccioni, i gatti. Allertata la Asl - Il caso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 04/09/2018

Moria di animali in centro: dopo i piccioni, i gatti. Allertata la Asl

Il caso

Continua la moria di animali nel centro di VastoDopo i piccioni, i gatti. Continua la moria di animali nel centro di Vasto

Ancora una volta, il ritrovamento è avvenuto nella villa comunale, dove fino a ieri erano state rinvenute carcasse di colombi nelle aree verdi e in riva al laghetto.

"Oggi - racconta Marco Cannarsa, responsabile delle guardie ecologiche volontarie di Vasto - ho trovato, all'interno del parco, due gatti morti e ho allertato il veterinario della Asl, Massimo Genovesi, che già sta eseguendo le analisi relative ai piccioni", più di trenta, riferisce l'associazione ambientalista, nel giro di pochi giorni. Tutti tra via Tobruk e la città antica. Le cause sono ancora da chiarire. Non sono esclusi l'avvelenamento o l'infezione. 

"Ho chiesto informazioni al Servizio veterinario della Asl, che mi comunicherà l'esito degli esami", dice l'assessore ai Servizi manutentivi, Gabriele Barisano, che nelle scorse settimane ha fatto eseguire un intervento di pulizia del laghetto della villa comunale. "Attendiamo le analisi. Non interveniamo solo sulla base delle notizie pubblicate dagli organi d'informazione, o delle foto postate su Facebook, oppure su segnalazione di un'associazione che si è costituita da poco in città e alla quale ho chiesto tutta la documentazione con cui dimostri di essere autorizzata dal prefetto a svolgere vigilanza ambientale". 

"All'assessore - replica Cannarsa - ho garantito che domani stesso consegnerò i documenti. Non capisco una cosa: quando l'amministrazione comunale ha fatto pulire il laghetto della villa comunale, spostando temporaneamente i pesci nella fontana del parco, ha chiamato noi per prenderli uno a uno e rimetterli nello specchio d'acqua appena ripulito; quella volta, non ci ha chiesto documenti. Oggi, invece, vuole le carte che, in ogni caso, produrremo. Le ho già richieste al nostro comandante provinciale". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi