Moria di piccioni, analisi affidate a un veterinario - Guardie ecologiche cercano di capire i motivi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 03/09/2018

Moria di piccioni, analisi affidate a un veterinario

Guardie ecologiche cercano di capire i motivi

Vasto: piccione morto trovato in via Vittorio VenetoSara il veterinario a chiarire le cause della moria di piccioni a Vasto.

Nel giro di pochi giorni, sono stati rinvenuti oltre 30 esemplari morti, ma il numero è destinato a salire ulteriormente, viste le nuove segnalazioni, per la maggior parte localizzate tra via Tobruk e la città antica.

L'ultimo ritrovamento è del primo pomeriggio di oggi: due colombi sulla riva del laghetto della villa comunale.

"Abbiamo portato la carcassa di un piccione al dottor Massimo Genovesi", racconta Marco Cannarsa, responsabile delle Geav (guardie ecologiche volontarie Abruzzo) di Vasto. "Gli consegneremo altri esemplari, in modo tale che possa accertare le cause di questi decessi. Troppi, in cosi poco tempo, perciò il sospetto è che i piccioni siano stati avvelenati. L'altra ipotesi è che si tratti di un'infezione".

FALLE NEI TUBI DELL'ACQUA - Intanto, la Stasi spa, la società che gestisce il servizio idrico integrato in 92 dei 104 comuni della provincia di Chieti, ha riparato le rotture, segnalate dalle Geav, che avevano causato copiose perdite d'acqua in via Cavour e via Ciccarone. La dispersione idrica, che gia supera il 50% nelle condotte colabrodo di Vasto, richiede interventi urgenti in una città che soffre per i rubinetti a secco non solo d'estate. Nel centro storico, infatti, l'acqua è razionata tutto l'anno, con problemi seri per quelle case che sono prive di autoclave.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi