CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/08/2018

Selvaggia Lucarelli, madre dispersa a Vasto: ripresa dalle telecamere, poi vista in via Cardone

Ricerche in corso da ieri

Nadia, la madre di Selvaggia Lucarelli. A destra, un fermo immagine tratto dalla videosorveglianza in via CardoneL'ultima volta è stata vista in via Cardone, nella parte alta di Vasto. "Era comunque la strada per Cupello, quindi ha tentao di tornare a casa", scrive su Facebook Selvaggia Lucarelli, che ieri ha lanciato un appello social per chiedere a chiunque veda sua madre Nadia di segnalarla ai familiari [LEGGI]. La donna si è persa a Vasto. Non si hanno più sue tracce da ieri, quando era andata all'ospedale San Pio da Pietrelcina con un braccio dolorante.

"Abbiamo un primo punto", scrive in un altro post la nota opinionista. "Le telecamere hanno visto mia mamma uscire dall’ospedale alle 14,10. Poi mi sono arrivate varie segnalazioni, le ultime due in via Luigi Cardone località Sant’Antonio alle 15,20 circa, quindi a 2 km circa dall’ospedale. Da quel momento nessuno l’ha più vista. Era comunque la strada per Cupello, quindi ha tentato di tornare a casa".

Sono in corso ormai da ore le ricerche ininterrotte delle forze dell'ordine, cui si è aggiunta la protezione civile: "Appena terminata riunione operativa presso il Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Vasto. Presenti tutte le forze in campo. Organizzato piano per le ricerche partendo dall’ultimo punto certo nel quale è stata avvistata la Signora. Siamo operativi con quattro squadre", scrive la protezione civile di Vasto sulla sua pagina Facebook. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi