Fioriere abbandonate, erba che copre il panorama e rifiuti: com’è diventata triste la balconata - Via Adriatica, per i turisti foto al panorama e selfie nel degrado
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 14/08/2018

Fioriere abbandonate, erba che copre il panorama e rifiuti: com’è diventata triste la balconata

Via Adriatica, per i turisti foto al panorama e selfie nel degrado

Vasto: degrado in via AdriaticaDecine di turisti a farsi i selfie. Appoggiati alla balconata. Dietro il panorama del Golfo di Vasto, di lato una fioriera brulla, ormai usata come cestino e posacenere. In via Adriatica, è così per quasi tutti i vasi: in 10 su 13, i fiori si sono appassiti. Il Comune li aveva piazzati sulle colonnine appena tre anni fa.

Manca la manutenzione, come in tutta la strada che, insieme alla loggia Amblingh, dovrebbe essere una cartolina vivente della città. Invece, l'erba è talmente alta, da oscurare la visuale verso il mare. Tra arbusti e vegetazione spontanea cresciuta a dismisura, troppi rifiuti: carta, plastica, lattine.

"La verità è che è insufficiente l'intero controllo dell'area", dice l'ambientalista Ivo Menna, residente di via Adriatica. "Non c'è la cura del verde sottostante. Il Comune non ha né uomini, né mezzi sufficienti. Servirebbe un appalto per affidare la manutenzione a una ditta esterna. Ho proposto da tempo un Piano regolatore del verde pubblico, ma la mia idea non è stata presa in considerazione. Eppure, aiuterebbe a tenere sotto controllo un territorio comunale di 71 chilometri quadrati in cui il costruito rappresenta il 18%. Ho anche proposto, da anni, la realizzazione di una passeggiata ecologica dal belvedere di San Michele fino a via Adriatica, passando attraverso Palazzo d'Avalos e aprendo, per creare continuità, le porte della sala Vittoria Colonna. Neanche questo è stato fatto. E poi, c'è l'arena comunale alle Grazie, che non è a norma. Rivolgo un appello agli imprenditori della città, ad esempio Petroro, Di Fonzo, Tessitore e i titolari delle aziende di Punta Penna: finanziate la messa a norma dell'impianto, che potrebbe essere utilizzato anche d'inverno, se fosse costruita una copertura".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi