Furgone rubato a San Salvo usato nel Foggiano per trasportare migranti nei campi - La denuncia del furto nel maggio scorso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Cronaca 06/08/2018

Furgone rubato a San Salvo usato nel Foggiano per trasportare migranti nei campi

La denuncia del furto nel maggio scorso

Il furgone che risulta rubato a San SalvoVeicoli rubati nel Vastese e usati per le moderne tratte della schiavitù nel Foggiano. È quanto emerge dopo la pubblicazione della foto di un furgoncino Fiat Ducato immortalato sulla Statale 16 nel Foggiano a poche ore di distanza dal gravissimo incidente costato, sabato scorso, la vita a quattro migranti. 

La foto pubblicata su Facebook dall'imprenditore agricolo Marco Nicastro – che viaggiava con la propria auto dietro al furgone – è successivamente diventata virale.

L'immagine è infatti stata rilanciata dalle principali testate e agenzie giornalistiche nazionali come simbolo del caporalato in atto nelle campagne pugliesi in questo periodo dell'anno, quando i migranti vengono sfruttati in cambio di pochi euro per la raccolta dei pomodori.

Dal controllo – sul sito del ministero degli Interni – della targa del mezzo adibito a pulmino si scopre infatti che il Ducato è stato rubato nei mesi scorsi a San Salvo. La denuncia, per la precisione, è stata presentata alla locale stazione dei carabinieri il 26 maggio 2018.

Quello di sabato purtroppo non è stato l'ultimo grave dramma della schiavitù. Nel pomeriggio di oggi, sulla Statale 16 in territorio di Lesina un altro pulmino si è scontrato frontalmente con un tir. Pesantissimo il bilancio: 12 braccianti morti, tutti di nazionalità nord africana.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi