Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Casalbordino   Eventi 06/08/2018

Alessandra Petrarca e il suo romanzo alle "Serate letterarie" di Casalbordino

Appuntamento mercoledì sera con "Non chiesi mai quale fosse il suo nome"

L’associazione culturale Nuovo Umanesimo torna con il secondo incontro delle Serate Letterarie, ormai tradizionale evento  dell’estate culturale di Casalbordino. L’appuntamento è l’8 agosto alle ore 21 in largo del Forte (accanto la Chiesa SS Salvatore) con Alessandra Petrarca che ci presenterà il suo libro Non chiesi mai quale fosse il suo nome

“Non chiesi mai quale fosse il suo nome” racconta uno spaccato di vita montoriese durante la seconda guerra mondiale attraverso gli occhi di sua madre bambina. Nell’incontro speciale descritto nel libro, si ha l’impressione di ritrovare, cristallizzata, ferma, immobile tutta l’assurdità della guerra, nei gesti amorevoli di una bimba nei confronti del suo “amico soldato”. La madre dell'autrice ritorna bambina nel suo immaginario, nella volontà di restituirle quell'infanzia spensierata dovuta ma che i fatti della vita le avevano negato. Una bimba temeraria e intraprendente, tante donne in fermento per la preparazione della festa religiosa in onore della madre di tutte le madri, il suo paese con i suoi profumi, i suoi personaggi e il suo amato quartiere, la terribile guerra, il tutto legato in un incrocio di esistenze che troverà l'apice nell'incontro tra la protagonista e il suo "amico soldato".

“Questa piccola parentesi che per un attimo affievolisce e leviga l’atrocità della seconda guerra mondiale, questo incontro paradossalmente innocente tra Lucia e il soldato tedesco, resta un frammento. Chi giocava con la bambina, forse pensava a sua figlia in Germania. Salvarla, era un po’ salvare se stesso, “sperare ancora in un’altra possibile storia, in un’altra possibile relazione umana. Impossibile non pensare che negli stessi mesi, non molto lontano da questa rilassata familiarità, altri militari dell’esercito tedesco massacravano civili, donne e bambini”. Impossibile non percepire la stridente contraddizione fra la storia e l’umanità. Un frammento quindi parziale, che Lucia, nonostante la tenera età, percepisce come straordinario, unico, tanto più è atroce la verità. Ed è proprio l’unicità, la parzialità che rende speciale l’incontro, al punto che occuparsi dell’altro diventa sopravvivenza per se stessi, una fievole speranza in un universo disperato” (prefazione del libro).

Il successivo e ultimo appuntamento di questo ciclo di eventi sarà il 18 agosto alle 21, presso l'Hotel Calgary, con Cristina Mosca e "Con la pelle ascolto".

Associazione Culturale Nuovo Umanesimo

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi