Vasto   Cronaca 27/07/2018

Operazione "Eterno riposo": i 3 arrestati tornano in libertà, ma non possono dimorare a Vasto

Il Tribunale del riesame attenua la misura restrittiva

Operazione Eterno riposo: la conferenza stampa di Capaldo e Di FlorioTornano in libertà, ma non possono stare a Vasto. Lo ha deciso il Tribunale del riesame dell'Aquila, attenuando la misura cautelare nei confronti delle tre persone finite ai domiciliari nell'ambito dell'operazione Eterno riposo: Franco D'Ambrosio, Antonio Recinelli e Luisito Lategano, tutti e tre dipendenti comunali. 

Erano ai domiciliari dal 4 luglio, su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia, su richiesta del procuratore, Giampiero Di Florio, nell'ambito dell'indagine condotta dagli agenti del Commissariato di Vasto, agli ordini del commissario capo Fabio Capaldo. Secondo l'accusa, avrebbero creato una gestione parallela del cimitero comunale, inducendo gli utenti il pagamento di somme non dovute. L'avvocato Antonino Cerella, che difende Lategano, sostiene la tesi secondo cui i soldi sarebbero stati consegnati spontaneamente, a titolo di mancia, senza alcuna costrizione. 

Nel frattempo, gli inquirenti hanno interrogato anche gli altri 14 indagati, alcuni dei quali si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. 

Cerella e il suo collega Massimiliano Baccalà, che rappresenta D'Ambrosio e Recinelli, si sono appellati al Riesame, chiedendo la revoca o l'attenuazione della misura restrittiva. I giudici del capoluogo hanno sostituito i domiciliari con il divieto di dimora a Vasto. "Siamo moderatamente soddisfatti - commenta Cerella - perché si tratta di una misura cautelare meno gravosa di quella precedente". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi