"La normalità di un viaggio in moto per i nostri ragazzi", Route 21 fa tappa a Lentella - Il progetto dedicato alle persone affette dalla sindrome di Down
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lentella   Attualità 28/06/2018

"La normalità di un viaggio in moto per i nostri ragazzi", Route 21 fa tappa a Lentella

Il progetto dedicato alle persone affette dalla sindrome di Down

L'arrivoDi ritorno dalla Puglia la carovana della Route 21 "Chromosome on the road" ha fatto tappa a Lentella dove è stata accolta con calore ed entusiasmo dai membri dell'Arda (Associazione Regionale Down Abruzzo) di Vasto

Gian Piero Papasodero è un architetto veronese che da quattro anni regala "la normalità di un viaggio in moto" ai ragazzi affetti dalla sindrome di Down portandoli a bordo della propria Harley in giro per lo Stivale. È il progetto "Route 21", nato in forma embrionale nel 2013 e affinatosi due anni dopo.

Ieri pomeriggio, è stata la fattoria d'Arte "I colli" di Lentella di Ettore Altieri a riceverli nella prima tappa abruzzese del lungo viaggio di questa edizione. 

"Quest'avventura – dice Papasodero a zonalocale.it – è nata nel 2013 quando accompagnai un ragazzo con gravi disabilità motorie in giro con un sidecar; in quell'occasione si sono uniti anche alcuni amici. Route 21 è nata poi ufficialmente nel 2015, dopo un anno sabbatico, su richiesta dei genitori di alcuni ragazzi che volevano far vivere questa esperienza ai propri figli. Quest'anno siamo partiti da Roma e per la prima volta abbiamo fatto tappa anche nelle due principali isole italiane, Sardegna e Sicilia, l'obiettivo è quello delle 28 tappe in 28 giorni. Finora abbiamo percorso circa 10mila chilometri".

"Oggi – continua Papasodero – la chiamano inclusione, a me piace ribadire che questo è un viaggio che cerca di regalare la normalità di un viaggio in moto, con tutte le sue criticità, a questi ragazzi che nel corso dell'esperienza si integrano con tutti abbattendo gli stereotipi che li circondano. Dopo il viaggio, resto in contatto con i genitori che testimoniano un miglioramento nei rapporti e nell'ambito personale. I nostri ragazzi sono chiamati a vivere l'esperienza del viaggio in moto in ogni suo aspetto, con responsabilità. Non mancano momenti delicati, come oggi: da Bari a qui abbiamo incontrato pioggia e vento".

L'intuizione di Papasodero è arrivata dopo anni di impegno nel sociale, "Facevo volontariato dal 2002. Il progetto concretizzatosi in Route 21 era un'idea che da tempo avevo in mente: prendere dei ragazzi down e inserirli in un contesto di normalità perché è quello di cui hanno bisogno. Con il passare degli anni sentiamo sempre più la volontà di ospitarci".

Dopo un breve momento istituzionale, con i saluti e le parole del presidente dell'Arda, Giuliano Giammichele, spazio alla musica, al divertimento e alle foto ricordo dei ragazzi dell'Arda sulle Harley prima che la carovana riprendesse il suo viaggio verso le terre colpite di recente dal terremoto: Arquata del Tronto, Accumoli e Amatrice.

 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi