Omicidio di Vasto, il perito riferisce in aula. Il 6 luglio discussione e poi sentenza - Il processo di secondo grado
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 21/06/2018

Omicidio di Vasto, il perito riferisce in aula. Il 6 luglio discussione e poi sentenza

Il processo di secondo grado

L'Aquila: l'aula della Corte d'assise d'appelloIl 6 luglio il confronto tra accusa e difesa e poi la sentenza. Si avvicina il verdetto di secondo grado per l'omicidio di Vasto

Nell'udienza di stamani, la Corte d'assise d'appello dell'Aquila ha ascoltato professor Renato Ariatti, consulente tecnico d'ufficio incaricato dalla Corte stessa di eseguire la perizia finalizzata ad accertare se l'imputato, Fabio Di Lello, era capace d'intendere e di volere al momento dell'omicidio di Italo d'Elisa, 21 anni, ucciso a colpi di pistola il 1° febbraio 2017. Sette mesi prima, a luglio, il giovane aveva investito, all'incrocio tra corso Mazzini e via Giulio Cesare, la moglie di Di Lello, Roberta Smargiassi, 34 anni, causandone la morte. 

In primo grado Di Lello è stato condannato a 30 anni di reclusione dalla Corte d'assise di Lanciano. La difesa, rappresentata dagli avvocati Giuliano Milia di Pescara e Pierpaolo Andreoni di Vasto, ha presentato l'appello da cui è scaturito il processo di secondo grado dinanzi ai giudici del capoluogo.

Oggi la penultima udienza. "Il dottor Ariatti ha confermato la documentazione medica, già agli atti fin dal processo di primo grado, sulla capacità d'intendere e volere", afferma l'avvocato Pompeo Del Re, legale, insieme al suo collega Gianrico Ranaldi, dei familiari di d'Elisa, che si sono costituiti parte civile. "I genitori e gli zii, presenti in aula, sono fiduciosi riguardo all'esito del processo".

"E' una perizia complessa, lunga cento pagine", dice l'avvocato Andreoni. "La leggeremo con attenzione e faremo le necessarie valutazioni in vista della discussione. Fabio è stato presente a tutte e quattro le udienze. E' molto preoccupato per le condizioni di salute della madre".

Il 6 luglio la discussione tra le parti: prima la requisitoria dell'accusa, poi le arringhe degli avvocati di parte civile e degli avvocati difensori. Quindi la sentenza la sera stessa o, al più tardi, il giorno successivo.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi