Il Fresa Calcio riparte da Nicolino Di Santo: "Basta salvezze all’ultima giornata, puntiamo in alto" - I biancorossi pronti alla quinta stagione in Prima categoria
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fresagrandinaria   Sport 19/06/2018

Il Fresa Calcio riparte da Nicolino Di Santo: "Basta salvezze all’ultima giornata, puntiamo in alto"

I biancorossi pronti alla quinta stagione in Prima categoria

Nicolino Di SantoDue salvezze in extremis posson bastare. Il Fresa Calcio che si appresta a disputare la quinta stagione consecutiva in Prima categoria intende recitare un ruolo da protagonista. 

La squadra ha avuto una stagione – quella conclusasi da poco – dai due volti con un girone di andata che sembrava vedere i biancorossi ormai spacciati e una seconda parte nella quale sono arrivati i preziosissimi punti utili per la salvezza (da citare quello raccolto in casa fermando il Lanciano, formazione dominatrice del campionato). In panchina si sono alternati Longhi e mister Stella, ora la società del presidente Lino Giangiacomo ha deciso di cambiare per puntare a qualcosa di più.

In panchina torna – dopo una pausa di diversi anni – Nicolino Di Santo vecchia conoscenza del calcio fresano che in passato ha guidato i biancorossi in Seconda categoria e che si è tolto diverse soddisfazioni con le formazioni giovanili di Fresa.
L'obiettivo è ricostruire un'ossatura del posto, per questo tra i primi obiettivi c'è il ritorno di alcuni degli elementi che hanno contribuito alla conquista della Prima e alla prima entusiasmante stagione in questa categoria: Eriberto Ottaviano (ora al Vasto Marina), Riccardo D'Ugo (Virtus Tufillo), Simone Di Santo (attualmente fermo). Oltre a questi, si cerca la conferma dei due vicini di casa, i lentellesi Giuseppe Tracchia ed Elia Portellini e il rinnovo di gran parte del blocco che ha guadagnato la salvezza. Il sogno per la porta sarebbe il ritorno di Crescenzo Mainardi (anche lui al Vasto Marina).

"I principali obiettivi – ammette Di Santo a zonalocale.it – sono il ritorno di questi elementi di qualità e la crescita dei fuori quota. Quest'anno l'obettivo vuol essere più ambizioso, non passare gran parte della stagione con l'acqua alla gola per salvarsi all'ultima giornata. L'altro obiettivo importante è quello di riportare i fresani allo stadio, il tifo è un elemento importantissimo. Cercheremo di fare meglio e arrivare, perché no, ai play off".

"Chi ha cercato di mantenere la Prima, riuscendoci, ha fatto un grande lavoro – continua il neo allenatore – e li ringrazio. Oggi percepisco molto entusiasmo all'interno della società. La mia filosofia di gioco è giocare bene a calcio, giocare sempre la palla (dal portiere all'attacco) e divertirsi; le squadre di Fresagrandinaria, storicamente, sono a trazione anteriore. Se si gioca divertendosi, la vittoria arriverà".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi