Nati per leggere, la lettura ad alta voce come pilastro per l’educazione dei bambini - Al Plesso Peluzzo per scoprire i benefici della condivisione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 15/06/2018

Nati per leggere, la lettura ad alta voce come pilastro per l’educazione dei bambini

Al Plesso Peluzzo per scoprire i benefici della condivisione

"Prendersi cura dei bambini, non curarli" è il principio che i genitori devono adottare nell'educazione dei loro figli in tenera età. E quale miglior modo per farlo se non attraverso la lettura? Nell'Aula Magna del Plesso Peluzzo della Nuova Direzione Didattica, si è discusso proprio di questo in un evento dedicato al progetto nazionale Nati per leggere, promosso dall'unione di due categorie che mai avevano dialogato in precedenza: i bibliotecari  e i pediatri. L'obiettivo era ed è quello di promuovere la lettura ad alta voce e al contempo il benessere psicofisico dei bambini attraverso un'unione di intenti che coinvolge famiglie, biblioteche, scuole, pediatri e tanti altri. 

"Come mamma mi aveva incuriosito sapere che tra le raccomandazioni per i bambini ci fosse anche la lettura ad alta voce" - ha spiegato la dirigente scolastica Concetta Delle Donne, poi continuando "Ho proseguito come docente creando una piccola biblioteca. I bambini portavano a casa un libro il venerdì per poi restituirlo il lunedì. Tra tutti ce ne fu uno che mi colpì quando, alla domanda 'Perché ti è piaciuto?', mi rispose 'Perché lo ha letto la mia mamma.' Ho pensato che solo per questo valesse la pena. Non era importante il libro ma la condivisione del momento e la sua durata, per questo i bambini sceglievano libri lunghi." 

Non solo la condivisione ma anche il contatto umano. Le lettura accompagnata dalla naturalezza e spontaneità dell'affetto genitoriale è uno dei punti su cui ha insistito il referente regionale di Nati per Leggere Nadia Guardiano, parlando di fronte ai genitori mentre al piano terra le lettrici volontarie accompagnavano i bambini nella fruizione del momento collettivo. Con lei c'erano anche Francesca Tammarazio, referente della rete Nati per leggere nel Vastese, e la pediatra Loredana De Cristoforo. Alla fine degli interventi, genitori e figli si sono riuniti per un altro momento di condivisione, questa volta musicale, con il musicista Lorenzo Tozzi.

Alessandro Leone

di Alessandro Leone (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi