Violenza di gruppo, i due arrestati rispondono al gip. Cerella: "Chiederemo i domiciliari" - Gli interrogatori dei minorenni accusati di riduzione in schiavitù
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 07/06/2018

Violenza di gruppo, i due arrestati rispondono al gip. Cerella: "Chiederemo i domiciliari"

Gli interrogatori dei minorenni accusati di riduzione in schiavitù

La conferenza stampa in cui i carabinieri hanno fornito informazioni sulla vicenda"Il nostro assistito ha risposto alle domande del magistrato", dicono gli avvocati Giovanni e Antonello Cerella, che difendono uno dei due minorenni arrestati con l'accusa di aver perseguitato e compiuto violenze di gruppo ai danni di una ragazza che non ha ancora compiuto 16 anni. Stamani erano in programma gli interrogatori, svolti per rogatoria a Roma, nell'istituto penale minorile di Casal del Marmo, dove i due indagati si trovano da lunedì, il giorno degli arresti eseguiti dai carabinieri di Vasto.

"Il mio assistito - dice Antonello Cerella - non ha negato di aver realizzato i filmati, ma ha affermato che, a suo dire, tutto ciò che è stato fatto è avvenuto col consenso della ragazza. Non appena il verbale dell'interrogatorio verrà trasmesso al Tribunale dei minori dell'Aquila, chiederemo la concessione degli arresti domiciliari".

L'altro indagato è rappresentato dall'avvocato Sabatino Besca, che preferisce non rilasciare dichirazioni. Anche il suo assistito ha risposto alle domande del gip, Federico Falzone.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi