Vasto   Attualità 05/06/2018

Costantino Felice: "Al collasso cultura, informazione e politica"

Il caso. Lo storico: non siamo figli del luogo in cui nasciamo, ma del nostro tempo

Da sinistra Cavuoti, Pallotta, Felice e La MorgiaNon siamo figli del luogo in cui nasciamo, ma del tempo in cui viviamo e "ognuno è responsabile di ciò che è".

Nei giorni in cui tornano alla ribalta i temi dell'identità e dell'immigrazione, che hanno avuto un ruolo importante anche nella campagna elettorale di marzo, lo storico Costantino Felice torna a criticare i luoghi comuni che ormai invadono giornamente il dibattito pubblico.

Lo fa nel corso di formazione che l'Ordine dei giornalisti tiene a Vasto, nella sala conferenze della Società operaia di mutuo soccorso, sul tema: "Mezzogiorno tra identità e storia: informazione e stereotipi". Relatori, oltre al noto studioso, sono il presidente dell'Ordine dei giornalisti d'Abruzzo, Stefano Pallotta, la giornalista Rai Maria Rosaria La Morgia e l'addetto stampa del Comune di San Salvo, Pino Cavuoti.

"In libreria circa la metà dei libri ha come tema l'identità", fa notare Felice, secondo cui, nel corso degli anni, "c'è stato il tracollo della cultura, intesa come alta cultura, da cui viene fuori il collasso del sistema informazione e della politica".

"Col terremoto dell'Aquila, c'è stata un'esplosione degli stereotipi identitari che non era mai accaduta nella storia d'Italia. Col G8 voluto da Berlusconi all'Aquila, l'Abruzzo è assurto su scala globale", ma attraverso "delle banalità stomachevoli".

"Ciascuno di noi - ammonisce lo storico - non è filius loci, ma filius temporis. L'identità è una costruzione storica. Ognuno è responsabile di ciò che è".

Sono state le stesse opere letterarie a creare gli stereotipi sull'Abruzzo: "Fontamara è una mistificazione, una falsificazione storica. Questo non toglie nulla all'opera d'arte, che è un capolavoro letterario, ma una mistificazione storica".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi