L’erba della discordia. Tiziana Magnacca rimprovera Pupillo: "Intervenire su strade e scuola" - Lettera del primo cittadino al presidente della Provincia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 09/05/2018

L’erba della discordia. Tiziana Magnacca rimprovera Pupillo: "Intervenire su strade e scuola"

Lettera del primo cittadino al presidente della Provincia

La strada provinciale a San SalvoNon solo le strade che aspettano da anni una sistemazione che tarda ad arrivare anche se ora i soldi ci sarebbero, adesso la Provincia è sotto accusa anche per l'erba non tagliata. A rimproverare e sollecitare il presidente Mario Pupillo questa volta è Tiziana Magnacca.

Il sindaco di San Salvo ha inviato stamatattina una lettera a Pupillo per chiedere di intervenire con urgenza per lo sfalcio dell’erba sulla strada provinciale che collega l’uscita dal casello dell’autostrada A14 al centro abitato. In particolare la Magnacca ha fatto notare al presidente provinciale che "in quel tratto di strada così importante il guardrail è completamente coperto dall’erba tanto da aver invaso la sede stradale, e altrettanto è accaduto per la segnaletica verticale". 

“Mentre si continua a tergiversare sulla sistemazione degli asfalti per le strade di competenza provinciale e che vedono al momento interventi per la Trignina solo sulla carta  – evidenzia il sindaco – cresce l’erba che aumenta i rischi per la percorrenza della strada provinciale. Segnaliamo anche la necessità di intervenire con urgenza per lo sfalcio dell’erba negli spazi verdi dell’Istituto superiore 'Raffaele Mattioli' di San Salvo". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi