Pilkington, vertice tra sindacati: "Non stiamo scherzando: senza investimenti rischiamo 800 esuberi" - Dopo anni torna l’attivo unitario, "I lavoratori non hanno compreso il momento"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 05/05/2018

Pilkington, vertice tra sindacati: "Non stiamo scherzando: senza investimenti rischiamo 800 esuberi"

Dopo anni torna l’attivo unitario, "I lavoratori non hanno compreso il momento"

Dopo anni torna a riunirsi l'attivo unitario delle sigle sindacali della galassia Pilkington insieme alle rsu dello stabilimento principale e di quelli di Primo e Bravo. L'incontro stesso – tenutosi ieri pomeriggio al centro culturale "Aldo Moro" di San Salvo – è indice della serietà del momento e per evidenziarlo maggiormente il segretario provinciale della Cisl, Franco Zerra, ricorre a un parallelismo: "Ci troviamo in un momento di crisi storico come nei primi anni Settanta con l'introduzione del float (che consentì la salvezza di migliaia di posti di lavoro, nda) e nel '91/'92 con la vendita della Siv agli inglesi della Pilkington".

In visita al grande malato sono arrivati i vertici regionali e provinciali Leo Malandra (Cisl Abruzzo/Molise), Carlo Petaccia (Cgil Abruzzo) e Germano Di Laudo (Cgil provinciale), oltre al già citato Zerra e ai rappresentanti del territorio: Emilio Di Cola (Filctem Cgil), Arnaldo Schioppa (Uiltec Uil), Andrea D'Elisa (rsu) e Domenico Ranieri (Cobas). 

CONSAPEVOLEZZA DEL RISCHIO - Di fronte alla crisi del colosso del vetro pare non ci sia ancora la piena consapevolezza del rischio da parte dei circa 2mila lavoratori. "Sento dire in giro che è tutta una manovra come altre volte – ha detto Zerra – ma badate bene che non si sta giocando. Nelle assemblee con i lavoratori della prossima settimana dovete dire chiaramente qual è il rischio e che se non ce la risolviamo noi, non lo farà nessuno".

E qual è il rischio? È un numero che fa paura: 800 esuberi nel 2020/2021. 800 dipendenti che corrispondono a poco meno del 50% dell'attuale forza lavoro, un dramma per il Vastese. "Non sto facendo terrorismo psicologico – ha continuato Zerra – Senza investimenti il futuro di San Salvo è di 800 esuberi nel giro di due-tre anni. Accadrà quello che è successo in altre realtà come la Saint Gobain che ha chiuso alcuni stabilimenti".

I PROBLEMI - Nell'immediato ci sono gli altri "noti" 140 esuberi per i quali a luglio potrebbe scattare la procedura di licenziamento collettivo, poi c'è il "nodo ammortizzatori sociali" in scadenza il 24 settembre. "Ho l'impressione – ha continuato il sindacalista della Cisl – che ci si sta fossilizzando sulla fine della solidarietà. Il primo grande problema è che non c'è business: non si riescono a vincere commesse perché non ci sono impianti adatti per vincerle e ho il sospetto che alcune lavorazioni siano già andate altrove. Oggi la Pilkington è in grado di vincere alcune commesse solo con lo stabilimento della Polonia". Il riferimento è ad esempio ai vetri laterali laminati attualmente prodotti fuori dall'Italia.
"L'altro problema è quello dei numeri. Nonostante i progetti in campo, il numero degli attuali esuberi è continuato a salire a ogni operazione; su questo numero avrebbero poi dovuto influire anche le morti, i pensionamenti e i licenziamenti. Così non è stato".

Di Cola con Di Laudo e PetacciaLE RICHIESTE - L'impressione è che stia giungendo al termine una lunga fase di idillio (o quasi) tra sindacati e azienda. "È ora di mandare messaggi di diversa natura all'azienda. Per rialzare le sorti dell'area Temperato, i lavoratori producono in 3 settimane la quantità di vetro prima fatta in un mese. Ora è il momento di chiedere alla società un occhio di riguardo per quello che abbiamo dato e continuiamo a dare all'azienda".
Le richieste sono soprattutto due: investimenti innovativi in tecnologia e ricarico degli impianti a 4 turni. Lo stabilimento sansalvese era tra i prediletti della Nsg nell'implementazione di nuove linee, oggi non è così: "In Polonia ci sono macchine che qui non abbiamo. Da oggi il management deve mettere nero su bianco gli investimenti che intende fare, finora non è accaduto e alle parole non sono seguiti i fatti".
Nella concorrenza interna con la Polonia (senza contare quella esterna della società cinese che ha investito in Germania), inoltre, c'è l'altro grande tema del costo del lavoro: 28 euro a ora a persona nella Pilkington di San Salvo, 21 alla Bravo, 7 euro nello stabilimento polacco. Un confronto perso in partenza.

L'obiettivo è prevenire, ma Zerra non ha esitato a parlare di una futura "gestione del dramma" se le prospettive poco rosee dovessero avverarsi. "Chiediamo per questo – ha incalzato – anche un piano sociale da parte della Nsg: come accade per altre multinazionali, bisogna mettere dei fondi a disposizione per la ricaduta sociale di eventuali licenziamenti".

UNITÀ - "Oggi è importantassima l'unità sindacale – ha detto Di Cola (Filctem Cgil) rivolgendosi alle rsu – Dite ai lavoratori chiaramente cosa sta accadendo, cioè che si rischia quasi il 50% di esuberi. Questa è una vertenza del territorio. Gli eventuali licenziamenti collettivi di luglio riguarderanno soprattutto gli ultimi stabilizzati entrati nel 2010: giovani con già 8 anni di esperienza alle spalle".

Lunedì e martedì prossimi si terranno le assemblee di fabbrica. "I lavoratori saranno informati della situazione e saranno chiamati a darci il mandato sul da farsi. Da oggi i nostri rapporti con l'azienda cambiano".

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi