Transenne da 40 giorni, ma lavori fermi. Degrado e bivacchi: la giungla dell’ex stazione - Non è ancora la Via Verde: l’area di risulta è ancora un parcheggio, ma abbandonato
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 03/05/2018

Transenne da 40 giorni, ma lavori fermi. Degrado e bivacchi: la giungla dell’ex stazione

Non è ancora la Via Verde: l’area di risulta è ancora un parcheggio, ma abbandonato

Vasto Marina: aree di risulta dell'ex stazione ferroviariaLa Via verde della Costa Teatina qui è solo un recinto con tre container. La pista riservata agli amanti di bici e passeggiate, lunga più di 40 chilometri da Ortona a San Salvo,  a Vasto Marina non è ancora arrivata.

I lavori si stanno pian piano avvicinando ma, per ora, rimane vuota la zona transennata da oltre un mese davanti alla vecchia stazione ferroviaria.

Ed è tutta l’area di risulta a dare un senso di attesa che arrivi qualcuno a lavorare. E a pulire.

Tre lunghi ponti primaverili, tra Pasqua e Primo Maggio, ma neanche lo sfalcio della vegetazione incolta.

Eppure, nella parte non cantierizzata, il parcheggio è stato preso d’assalto dalle auto negli ultimi week end, in cui la riviera si è ripopolate.

Non è stato un bel vedere. In pieno degrado il piazzale su cui, fino al 2005, si snodavano i binari e i fabbricati della stazione dismessa. Sporcizia ovunque nelle aree verdi, tra materassi e coperte sotto i pini e sopra l’unico moncone di binario rimasto, scarpe lasciate sul cordolo del marciapiede, su cui una volta i viaggiatori attendevano i convogli, e gli immancabili resti di bivacchi notturni. Erba incolta e altissima e immondizia dappertutto.

E poi il muro pericolante: dal 2015, le transenne chiudono una delle stradine attorno al parcheggio dell’ex scalo di piazza Fiume e restingono la sottostante via Zara davanti alla canonica della chiesa di Stella Maris, dove il terrapieno retrostante e il muro di cinta perdono pezzi. Nel rimpallo di competenze tra Ferrovie e Provincia, sono trascorsi già tre anni.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi