Auto incendiata al Villaggio Siv. "Qui non dormiamo più, zona abbandonata" - "Chiediamo maggiori controlli, di notte accade di tutto"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 23/04/2018

Auto incendiata al Villaggio Siv. "Qui non dormiamo più, zona abbandonata"

"Chiediamo maggiori controlli, di notte accade di tutto"

L'auto incendiataUna Opel Corsa è stata incendiata ieri notte al Villaggio Siv. Il fuoco è divampato poco prima delle 23, l'allarme è stato lanciato dai residenti che hanno dovuto spostare le altre auto parcheggiate vicino alla Opel (di proprietà di una famiglia del posto).

Sul luogo dell'incendio sono arrivati i vigili del fuoco di via Madonna dell'Asilo che hanno domato le fiamme evitando che si progassero alla vicina siepe. Sull'episodio indagano i carabinieri della Compagnia di Vasto. 

MANCANZA DI TRANQUILLITÀ - L'incendio di ieri notte non è l'unico che ha interessato il Villaggio Siv di recente: nell'ultimo mese ci sarebbero stati altri due casi simili (in uno dei quali sarebbe stato ritrovato anche il tappo della bottiglia per cospargere di liquido infiammabile il veicolo). 

Gli abitanti di questo centro abitato tra Vasto e San Salvo si sentono un po' in una terra di nessuno.

"Qui mancano i controlli – racconta una testimone a zonalocale.itNon ci sono telecamere e accade di tutto: spaccio e non solo. La verità è che di questa zona della città si sono dimenticati tutti. Non abbiamo spazi aggregativi, l'unico bar ha chiuso ormai anni fa. Dopo una certa ora abbiamo paura a mandare i nostri figli piccoli a giocare fuori. Auto di vigili urbani e carabinieri si vedono raramente. Per questo, chiediamo al sindaco Francesco Menna di ricordarsi anche della nostra esistenza". 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi