38enne ai domiciliari per i furti ai ristoranti e nelle auto evade: arrestato nuovamente - Aggravamento della pena, trasferito in carcere
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 06/04/2018

38enne ai domiciliari per i furti ai ristoranti e nelle auto evade: arrestato nuovamente

Aggravamento della pena, trasferito in carcere

L'arresto del 22 gennaio scorsoDai domiciliari al carcere. Per G.B., 38enne originario della provincia di Napoli, ma residente a Vasto da anni, è scattato l'aggravamento della pena. L'uomo è accusato insieme a G.A. (43enne vastese) di aver messo a segno diversi furti a danno di attività commerciali e all'interno di automobili.

Per questi fatti era già stato arrestato due volte. Una prima volta il 22 gennaio, sempre insieme al complice, quando i carabinieri di Vasto lo fermarono dopo un tentativo di furto andato male alla pizzeria "Il Gattopardo"; erano sospettati anche di altri colpi messi a segno all'inizio dell'anno.

Scarcerati in attesa del processo, i due furono arrestati nuovamente il 19 marzo: per le forze dell'ordine i due sono gli autori di alcuni dei numerosi furti con spaccata ai danni di auto parcheggiate [LEGGI].

Per G.B. erano stati disposti i domiciliari, ma l'uomo ha violato più volte la misura cautelare, per questo il sostituto procuratore Michele Pecoraro ha chiesto l'aggravamento della pena concesso dal giudice Italo Radoccia.
IL 38enne così è stato arrestato nuovamente ieri dai carabinieri coordinati dal maggiore Amedeo Consales e trasferito in carcere. Ora dovrà rispondere anche di evasione.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi