Rapina alla Bper Banca, polizia visiona tutti i filmati della zona e cerca una pista fuori regione - Le indagini sul colpo del 30 marzo in pieno centro: ritrovata l’auto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 05/04/2018

Rapina alla Bper Banca, polizia visiona tutti i filmati della zona e cerca una pista fuori regione

Le indagini sul colpo del 30 marzo in pieno centro: ritrovata l’auto

Vasto, intervento del 118 dopo la rapina alla Bper BancaLa polizia sta visionando tutti i filmati delle telecamere della zona. Sequenza dopo sequenza, gli agenti del commissario capo Fabio Capaldo scandagliano le registrazioni della videosorveglianza pubblica e privata. Le indagini non sono semplici.

Gli ignoti che hanno rapinato la Bper Banca di Vasto indossavano le maschere già prima di avvicinarsi all'ingresso dell'istituto di credito. Gli inquirenti cercano di trovare immagini in cui si vedano i loro volti. 

L'azione è stata fulminea: il violento raid è durato pochi minuti. Attimi concitati in cui uno dei due ha immobilizzato da tergo il primo cliente in fila allo sportello, mentre l'altro ha scavalcato il bancone della cassa, ha tirato un pugno al cassiere e poi, quando l'uomo è finito a terra, lo ha preso a calci.

Quindi i malviventi si sono fatti aprire la cassaforte, arraffando tanti soldi, decine di migliaia di euro, che hanno messo alcuni sacchetti con cui sono fuggiti a piedi per la salita di via Tobruk, dove ad aspettarli c'era una Fiat Panda a bordo della quale si sono dileguati, facendo perdere le loro tracce.

Da una settimana gli investigatori cercano di individuare i responsabili. Hanno agito in modo spregiudicato e risoluto, da professionisti del crimine. I poliziotti propendono per l'ipotesi rapinatori in trasferta e cercano una pista che li conduca fuori regione. Lo testimonierebbe il ritrovamento dell'auto in contrada Sant'Onofrio. E' il segno della cosiddetta staffetta: i ladri, per raggiungere l'obiettivo e per tornare al punto di partenza, usano più vetture per non essere facilmente identificati.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi