San Buono   Attualità 25/03/2018

Accoglienza e integrazione, l’appello di Aida Marrone: "I più piccoli possono educare gli adulti"

La dirigente scolastica durante il convegno di San Buono

Aida Marrone"Nel futuro non c'è un voi e un noi", è iniziato così l'intervento della dirigente dell'Istituto Omnicomprensivo "Spataro" di Gissi, Aida Marrone, in occasione del convegno "Il timore di essere giudicato perché accolgo" di due giorni fa a San Buono [LEGGI]. All'iniziativa sull'integrazione erano presenti il dirigente prefettizio Luciano Conti, il parroco locale don Angelo Di Prinzio, i sindaci di San Buono e Palmoli Nicola Filippone e Giuseppe Masciulli, l'insegnante Sara Bernabeo e tanti alunni delle scuole del territorio.

E proprio a loro la dirigente scolastica ha lanciato un accorato appello: "Siete il futuro, spetta a voi cambiare mentalità agli adulti: i più piccoli possono educare gli adulti. Invece di costruire muri, costruiamo ponti. Venite tutti dai piccoli comuni della zona, ricordate che accanto all'identità locale dovete costruire un'identità planetaria: siamo tutti figli della stessa terra, senza differenze di colore della pelle".

Poi, rivolta ai propri studenti dell'Istituto Tecnico Economico di Gissi: "Ormai c'è sempre più l'idea di un'economia legata al profitto. Questo è un concetto di economia da scardinare. L'economia deve fare stare bene tutti. Pensiamo quindi a un concetto di economia che permetta di distribuire equamente problemi e risorse".

L'intervento si è poi concluso con la citazione di don Lorenzo Milani: "Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora io dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi

         
         

        Chiudi
        Chiudi