Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Cupello   Attualità 11/03/2018

"Mancano segnali e barriere, a Montalfano si rischia di finire nel fiume"

Strada erosa dall’acqua non segnalata

La strada spezzata"Il rischio è di finire nel Treste o nel fiumiciattolo del vallone". È la segnalazione di alcuni residenti di Montalfano su alcune strade della zona prive di segnaletica o sistemi di protezione.

STRADA EROSA - Il primo caso è sulla fondovalle Treste nel tratto che fu portato via dal fiume durante l'ondata di maltempo di fine novembre 2015 [LE FOTO]. Qui nel tratto ricostruito c'è un'uscita laterale che però dopo un paio di metri finisce direttamente nel letto del fiume (con un salto ragguardevole). Inizialmente, prima dell'erosione, la stradina laterale consentiva ai proprietari terrieri di raggiungere i propri appezzamenti. Ora, chi non conosce la zona potrebbe correre il rischio soprattutto di notte a causa dell'assenza di segnaletica.

Non bisogna andare troppo indietro con la memoria per ricordare casi simili. La notte del 6 agosto del 2016 due giovani di San Salvo finirono nel fiume Trigno in secca dopo un volo di 4 metri [LEGGI] salvandosi miracolosamente. Anche in quell'occasione la strada, sempre in territorio di Cupello, era stata spezzata dall'erosione dalla piena del corso d'acqua e non c'erano segnalazioni di sorta [LE FOTO].

BARRIERE ASSENTI - L'altra segnalazione riguarda invece la strada comunale di raccordo con la fondovalle Treste che passa sul vallone Montalfano recentemente asfaltata. Nel tratto per transitare sull'affluente del fiume mancano protezioni laterali e il rischio di finire giù per una distrazione è concreto.

"Si mettano delle protezioni e dei segnali per il pericolo di finire nel fiume nell'altro tratto", è la richiesta dei residenti della zona.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi