Il futuro dell’ex Statale 86: "Possibile il ritorno all’Anas" - Le Province non riescono a far fronte alle esigenze manutentive
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Furci   Attualità 02/03/2018

Il futuro dell’ex Statale 86: "Possibile il ritorno all’Anas"

Le Province non riescono a far fronte alle esigenze manutentive

Un 'caratteristico' tratto della ex Statale 86Qual è il destino della ex Statale 86 Vasto - Castiglione Messer Marino? La Provinciale usata soprattutto per gli spostamenti tra Furci e Cupello è ridotta a un colabrodo – in linea con molte altre Provinciali – con alcuni tratti diventati vere e proprie montagne russe. La strada negli ultimi tre anni ha conosciuto un incremento del traffico a causa della chiusura dell'arteria di collegamento dal paese alla fondovalle Treste riaperta di recente; la stessa è percorsa quotidianamente dagli autobus degli studenti.

La ex Statale 86 in linea teorica – finora – dovrebbe essere inserita tra gli interventi finanziati dai famosi 9 milioni di euro per le Provinciali del Vastese [LEGGI]. In un primissimo elenco dei lotti da finanziare, però, questa strada non compariva. Secondo le indiscrezioni, pare che l'incertezza fosse dovuta proprio all'inserimento di straforo di alcuni interventi da realizzare nell'Alto Sangro [LEGGI] che avrebbe dirottato i fondi per l'ex Statale. La mediazione tra i vari sindaci sembrerebbe aver portato al reinserimento tra i lavori da finanziare.

RITORNO ALL'ANAS - Nel futuro però c'è una Provincia in perenne difficoltà nella manutenzione ordinaria della rete viaria di competenza. Per questo motivo, il destino della ex Statale 86 potrebbe essere il ritorno nel patrimonio dell'Anas. Una eventuale nuova statalizzazione che, quindi, comporterebbe un risparmio per le piangenti casse provinciali e che è tornata d'attualità nel recente incontro di Fresagrandinaria [LEGGI]. Secondo Luciano D'Alfonso, la via del ritorno all'Anas sarebbe percorribile perché la strada interessa due province (oltre al tratto chietino, c'è quello ricadente in provincia di Isernia) che non riescono a far fronte alle esigenze manutentive. La battaglia – nelle intenzioni per ora – è fattibile, bisognerà attendere la pratica.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi