Eolico off-shore in Adriatico, nuovo progetto in arrivo - Interessati i comuni di Lesina, Chieuti e Serracapriola
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lesina   Ambiente 11/02/2018

Eolico off-shore in Adriatico, nuovo progetto in arrivo

Interessati i comuni di Lesina, Chieuti e Serracapriola

Mentre nell'entroterra vastese si procede all'installazione dei due impianti di Torrebruna, torna d'attualità l'eolico off-shore nel mar Adriatico. Il progetto riguarda le coste pugliesi al confine con il Molise, precisamente quelle dei comuni di Lesina, Serracapriola e Chieuti.

A presentare il progetto è stata la Trevi Energy Spa di Cesena. La concessione demaniale marittima richiesta ha una durata di 25 anni. Il parco "Lesina" da poco meno di 200 Mw complessivi prevede 60 pale eoliche da 3,3 mw. L'altezza massima prevista delle torri è di 150 metri (più 135 nascosti sott'acqua). Il progetto è stato presentato nel novembre scorso e interesserà il Molise per il passaggio dei cavi.

Nel 2009 il dibattito sull'eolico in mare interessò anche i comuni costieri abruzzesi. La milanese Effeventi aveva in progetto di realizzare il primo parco off-shore d'Italia al largo di Petacciato: 54 pale da 80 metri l'una in un'area di 70mila metri quadri per 60 anni. Forte l'opposizione di associazioni, Comuni (compresi Vasto e San Salvo) e alla fine Non se ne fece nulla: il Tar accolse le richieste di Province, Regione Molise e diversi comuni della zona.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi