Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 29/01/2018

"Il codice del terrore": l’Istituto superiore "Mattei" commemora la Shoah

Il 30 e il 31 gennaio nell’aula magna verrà riprodotto un campo di concentramento

La locandina dell'iniziativaSi intitola “Il codice del terrore” la manifestazione che l’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Mattei” di Vasto proporrà per commemorare la Shoah a 73 anni dall’apertura dei cancelli di Auschwitz. L’evento, che si svolgerà martedì 30 e mercoledì 31 gennaio 2018, a partire dalle ore 10, nell’aula magna del “Mattei”, rientra anche nell’ambito del Festival della Scienza “Ad/ventura”, organizzato dal Polo Liceale “R. Mattioli” e quest’anno incentrato sul tema “Codici”.

“Il codice del terrore” non è un titolo scelto a caso, perché con esso si vuole indicare la spaventosa legge che dominava nei campi di concentramento: la legge del terrore, declinata secondo un codice minuziosamente stabilito dai nazisti, arrivati a perpetrare le più spaventose atrocità che la storia abbia mai conosciuto.

Un codice del terrore teso a far soffrire fisicamente e moralmente il “nemico”, ad umiliarlo senza sosta, a privarlo di ogni pudore e dignità, a ridurlo ad una sorta di bestia al macello, ad una “cosa”, indegna persino di conservare un nome perché, come dice Primo Levi ne “I sommersi e i salvati”, “il nemico non doveva soltanto morire, ma morire nel tormento”.
Attraverso video, immagini toccanti, documenti d’epoca, letture, danze, musiche della tradizione ebraica e performance teatrali, gli studenti del “Mattei” proporranno, in un’aula magna appositamente trasformata in modo da dare l’idea di un campo di concentramento, alcuni aspetti di questo codice del terrore affinché gli spettatori sappiano, percepiscano e riflettano.

Paola Cerella

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi