"Punti di luce. Essere una donna nella Shoah", mostra fotografica a palazzo Mattioli - Da oggi al 28 gennaio l’evento organizzato da Anpi Vasto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 25/01/2018

"Punti di luce. Essere una donna nella Shoah", mostra fotografica a palazzo Mattioli

Da oggi al 28 gennaio l’evento organizzato da Anpi Vasto

In occasione della Giornata della Memoria, la sezione Anpi di Vasto ha allestito presso la sala Mattioli, in corso de Parma a Vasto, la mostra “Punti di luce. Essere una donna nella Shoah”, curata dallo Yad Vashem di Gerusalemme. La Shoah  è una delle pagine più orribili della storia dell’umanità, una campagna di atrocità e barbarie che ha voluto annientare la dignità delle persone e ha provocato oltre sei milioni di vittime.  

In questo contesto, una pagina tutta particolare va riservata alle donne, alle orribili torture a cui furono sottoposte, alla violenza che si consumò sui loro corpi e sulle loro menti, vittime dentro e fuori dai campi di concentramento. In questa mostra si cerca di raccontare la vicenda umana e dare spazio alla voce unica di alcune donne ebree, evidenziando le loro risposte e le loro azioni alle situazioni che si sono trovate a fronteggiare nell’amore e negli affetti, nella maternità, nel lavoro e nella la responsabilità verso i propri cari.

“Il centro culturale Yad Vashem di Gerusalemme - spiega il presidente di Anpi Vasto, Domenico Cavacini - ha voluto dedicare questa mostra alle donne di religione ebraica perseguitate dai nazisti e dai loro alleati, ma il risultato è più ampio e risulta essere un tributo alle donne, alla visione di genere sull’odio razziale, sul fanatismo ideologico e religioso. Questa iniziativa è un monito a tutti noi a ricordare di non rinunciare mai a difendere la dignità della persona umana, i suoi naturali e inderogabili diritti umani, politici, civili e sociali".

La mostra sarà aperta al pubblico dal 25 al 28 gennaio, dalle ore 18.30, alle 20.30.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi