Lite familiare e coltellata a Natale, respinta la richiesta di domiciliari - Il Tribunale del Riesame ha rigettato oggi l’istanza della difesa del pescatore
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 16/01/2018

Lite familiare e coltellata a Natale, respinta la richiesta di domiciliari

Il Tribunale del Riesame ha rigettato oggi l’istanza della difesa del pescatore

La villetta in cui è avvenuto il litigioRespinta la richiesta di scarcerazione. Francesco Orticelli deve rimanere in custodia cautelare nel penitenziario di Torre Sinello. Lo ha deciso oggi il Tribunale del riesame dell'Aquila, rigettando l'stanza della difesa del pescatore di 54 anni arrestato a Natale con l'accusa di tentato omicidio per la coltellata alla gola inferta al cognato, il pugile quarantunenne Domenico Urbano. 

Era stato quello l'epilogo, in base alle indagini svolte dai carabinieri e coordinate dal sostituto procuratore Gabriella De Lucia, di una lite familiare scoppiata nel primo pomeriggio del 25 dicembre in una villetta di via Vilignina, in località Montevecchio. Prima dinanzi al gip del Tribunale di Vasto, Fabrizio Pasquale, e poi ai giudici del capoluogo, gli avvocati dell'indagato, Giovanni e Antonino Cerella, hanno sostenuto la tesi della legittima difesa o, in subordine, dell'eccesso colposo di legittima difesa, chiedendo la remissione in liberta, o l'attenuazione della misura restrittiva: i domiciliari, invece del carcere.

"Il Tribunale del Riesame - dice Antonino Cerella - ha ritenuto ancora sussistenti i presupposti della custodia cautelare e, di conseguenza, rigettato la richiesta. Abbiamo già provveduto a presentare una nuova istanza al Tribunale del Riesame. Verrà discussa nei prossimi giorni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi