Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 15/01/2018

Febbo e Di Stefano: "Il bando Sasi va annullato"

Se la Sasi andrà avanti si dicono pronti a denunce penali ed alla Corte dei Conti

Il bando va immediatamente annullato e si dovrà provvedere ad un nuovo avviso per nuove figure professionali a tempo determinato, qualsiasi altra azione sarà da considerarsi illegali e se dovesse verificarsi, siamo pronti a denunce penali ed alla Corte dei Conti”. Così Fabrizio Di Stefano e Mauro Febbo (Forza Italia) intervengono nuovamente sul concorso della Sasi per l’assunzione a tempo indeterminato di 67 figure professionali ormai agli sgoccioli.

“Con l’approvazione della legge Finanziaria, il decreto Madia che blocca le assunzioni è ufficialmente entrato in vigore - spiega Febbo - pertanto il concorso è da ritenersi illlegittimo. Pericoloso andare avanti, a questo punto l’unica cosa saggia da fare sarebbe l’annullamento. Se così non fosse, adesso, siamo pronti a passare alle denunce”.

Illegittima, per l’onorevole Di Stefano, la procedura concorsuale ed illegittima la figura di Gaetano Di Corinto, valutatore dei candidati e sarebbero già tre i ricorsi pronti contro la selezione. “Mi risulta che Di Corinto sia un possibile candidato Pd alle Politiche e, a parte questo, che titoli avrebbe per esercitare questo potere decisionale? - si chiede Di Stefano - Stesse perplessità per il direttore facente funzioni Pio D’Ippolito che non ha alcuna competenza per ricoprire quel ruolo. Si nomini, quindi, un nuovo direttore, e si faccia presto”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi