In attesa del polo unico, riapre la scuola di Celenza sul Trigno - Ieri il taglio del nastro
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

In attesa del polo unico, riapre la scuola di Celenza sul Trigno

Ieri il taglio del nastro

Dopo un anno e mezzo (più del tempo previsto inizialmente) ha riaperto ieri i battenti il polo scolastico di Celenza sul Trigno che ospita la scuola elementare e la scuola media; la struttura è stata sottoposta ai lavori di adeguamento sismico. Dopo l'inno di Mameli, c'è stato l'intervento del sindaco Walter Di Laudo alla presenza di alcuni colleghi dei comuni limitrofi – tra cui Giuseppe Masciulli di Palmoli e Cristina Lella di Torrebruna – per salutare il completamente di una ristrutturazione che si attendeva da tempo con una citazione di don Milani: "Il maestro dà al ragazzo tutto quello che crede, ama, spera. Il ragazzo crescendo ci aggiunge qualche cosa e così l’umanità va avanti".

Gli alunni delle medie di Celenza durante i lavori si sono recati nella vicina Torrebruna, un fatto questo che inevitabilmente è entrato nella discussione politica. "Tutte le tensioni – ha continuato Di Laudo – le preoccupazioni, i timori ma anche la certezza, la consapevolezza e la soddisfazione di aver fatto tutto quanto era necessario e doveroso per un recupero della nostra scuola, oggi si dissolvono nella gioia di aver concluso un’opera importante e qualificante del nostro mandato amministrativo. Il ringraziamento più grande va a voi genitori e ai vostri ragazzi, che avete gestito insieme con noi i mesi passati in trasferta presso la struttura di piano S. Rocco che ha ospitato la scuola primaria e presso il Municipio di Torrebruna che ha ospitato la Scuola Secondaria".

In conclusione il primo cittadino celenzano ha ribadito l'importanza del futuro polo unico previsto dalla Strategia delle aree interne: "Noi come referenti politici di questo territorio abbiamo un sogno che ormai è uscito dal cassetto, per una volta la politica, quella che conta, sembra averci dato ascolto, il polo scolastico unico che consentirà a queste terre marginali di dotarsi di una scuola tecnologicamente avanzata sembra non essere più un’utopia; spero che presto taglieremo quel nastro che restituirà dignità a chi ha ancora il coraggio di abitare questi meravigliosi borghi Europei".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi