Bagno tra la vegetazione sul litorale di Casarza, scatta l’esposto - Tre titolari di un’attività turistica chiedono a Procura e Asl di intervenire
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   L'angolo dei lettori 22/12/2017

Bagno tra la vegetazione sul litorale di Casarza, scatta l’esposto

Tre titolari di un’attività turistica chiedono a Procura e Asl di intervenire

Vasto: il bagno oggetto dell'espostoUn bagno realizzato in mezzo alla vegetazione a poche decine di metri dal mare in località Casarza, lungo il litorale di Vasto. Nel timore che lo scarico (convogliato tramite un tubo di plastica arancione che sfocia sul terreno) possa raggiungere il mare, Luca, Mirko e Roberta Di Nanno, titolari di un'attività turistica che si trova su un terreno confinante hanno presentato - ritenendo anche che lo scarico si trovi sulla loro proprietà - un esposto al procuratore di Vasto, Giampiero Di Florio, alla Asl di Lanciano-Vasto-Chieti, al dirigente del Servizio di epidemiologia, igiene e sanità pubblica e al comandante della polizia municipale, Giuseppe Del Moro.

Nel documento, i tre imprenditori "informano che in località Casarza sono stati riscontrati sversamenti di acque reflue sulla nostra proprietà (terreno agricolo coltivato) provenienti dalla realizzazione di servizi igienici e docce".

Per questo, gli autori dell'esposto chiedono alle autorità destinatarie della segnalazione di "compiere gli opportuni accertamenti e verificare la regolarità di tale scarico sia in relazione al provvedimento di autorizzazione, sia in relazione al rispetto dei parametri di immissione di sostanze inquinanti stabilite dalla legge e se godano o meno di tutte le autorizzazioni previste dalla legge".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi