CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 15/12/2017

"Da gennaio stop a prenotazioni e prelievi il sabato nel distretto sanitario di San Salvo"

Taglio di servizi, il sindaco Magnacca protesta

Il distretto sanitario di San SalvoDal prossimo gennaio il sabato non sarà più possibile prenotare al Cup e sottoporsi ai prelievi di sangue nel Distretto sanitario di base di San Salvo.

A rivelarlo è il sindaco Tiziana Magnacca: "Mi giunge notizia che dal prossimo mese di gennaio il Distretto sanitario di base di San Salvo non garantirà più al sabato il servizio di prenotazione (Cup) e la possibilità dei prelievi per gli esami del sangue. Che dire? Tutto come previsto. Il Dsb non solo non viene potenziato, si perdono persino i servizi sinora garantiti seppur a singhiozzo”.  

“Il tutto – continua il sindaco – avviene al netto delle assicurazioni che invece erano state fornite dall’assessore regionale Paolucci a cui ora chiediamo di dare conto ai cittadini di come intende gestire il Distretto sanitario di San Salvo. Ci saremmo aspettati, cosa che non è accaduta, che fossero potenziate le attività e le specializzazioni di una struttura di riferimento per il territorio del Vastese e del vicino Molise. Invece così non è stato”.

Il sindaco di San Salvo chiede di conoscere le ragioni di questa progressiva chiusura del Dsb “per quella che appare una manifesta incapacità politica di gestire e programmare la sanità nel Vastese, per una sciagurata visione del diritto alla salute di una buona parte di cittadini che vivono in questo territorio ai confini, rispetto alla migliore offerta di sanità garantita nell’area metropolitana di Chieti e Pescara”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi