CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 04/12/2017

Scarichi fognari a cielo aperto vicino al centro di Vasto, multe fino a 60mila euro

Le inchieste di Zonalocale - UN MARE DI RIFIUTI / 2

Vasto: fosso AnghellaAlle soglie del 2018, ci sono ancora dieci case che scaricano i liquami a cielo aperto. Direttamente nel Fosso Anghella, a poche decine di metri dal centro abitato di Vasto. 

"E' stato un accertamento durato tre mesi", sottolinea il comandante della polizia municipale, Giuseppe Del Moro, riferendosi alle indagini che il Nucleo ambientale ha portato a termine in questi giorni, trasmettendo il relativo dossier alla Regione Abruzzo, "che irrogherà sanzioni che vanno da un minimo di 6mila a un massimo di 60mila euro" e alla Procura, "affinché l'autorità giudiziaria competente valuti la sussistenza di eventuali illeciti penali", spiega l'ufficiale. 

L'inchiesta ha preso il via la scorsa estate dopo le segnalazioni di alcuni proprietari di terreni coltivati di Fosso Anghella, l'area scoscesa compresa tra la strada provinciale Istonia e via Santa Lucia, collegate tra di loro da una scorciatoia che prende il nome, per l'appunto, di via Anghella e taglia in due la zona degli appezzamenti.

I titolari degli orti avevano lanciato l'allarme per il puzzo nauseante, amplificato dal caldo della scorsa estate, che proveniva da un fondo in cui gli agenti hanno verificato l'esistenza di una vecchia fogna, mai chiusa, né bonificata, "in cui confluiscono - racconta Del Moro - gli scarichi di dieci antiche abitazioni delle traverse di via Roma"

I proprietari dovranno pagare multe salate. "E' stata emessa - aggiunge il comandante della polizia locale - anche un'ordinanza che vieta la coltivazione del terreno attraversato dallo scarico"

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi