Ha vinto il popolo degli inquinatori - La finestra sul cortile
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Editoriali 30/11/2017

Ha vinto il popolo degli inquinatori

La finestra sul cortile

La situazione non è più solo drammatica: è tragica. La città è in guerra. In guerra con se stessa, contro se stessa. Un mare di rifiuti illecitamente abbandonati violenta ormai ogni angolo della mia terra. Non si tratta più solo di inciviltà, ma di un assalto sistematico all’ambiente da parte di un esercito crescente di inquinatori.

La raccolta differenziata dei rifiuti resta una grande utopia, una chimera. Non c’è quartiere, palazzo, strada, spiaggia, parco o giardino che sia al riparo dall’inquinatore di turno.

I rifiuti li trovi abbandonanti dappertutto, hanno preso il sopravvento. Ha vinto il popolo degli inquinatori. Non siamo riusciti a far passare l’idea che differenziare non è una velleità da ambientalista da strapazzo, ma una necessità. L’unico mezzo che abbiamo a disposizione per sperare ancora di salvare questo povero pianeta che ci ospita.

In tanti, troppi, credono che tutto gli sia concesso e quindi inquinano, distruggono, devastano e se ne fregano. Arrivati a questo punto, non credo siano più sufficienti le campagne di sensibilizzazione: occorre la forza della repressione, senza se e senza ma.

Di strada verso il rispetto della Res Publica dobbiamo farne ancora tanta. E dove non basta la forza della sensibilizzazione e dell’educazione… ben venga la forza delle multe! L’italiano, purtroppo, rispetta le regole solo quando gli viene toccata la saccoccia.

di Paola Cerella

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi