Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 16/11/2017

"Quella strada è troppo rischiosa: si faccia il raddoppio della Trignina"

Turdò (Comitato Pro Trignina) rilancia una battaglia annosa

(foto ecoaltomolise.it)"Sulla Statale 650 è ora di svegliarsi, senza perdere altro tempo inutilmente, vogliamo il raddoppio della Fondo Valle Trigno". Antonio Turdò, presidente del comitato Pro Trignina Abruzzo-Molise, torna a rilanciare una battaglia che conduce da un decennio. Un appello che, a più riprese, rivolge ormai da un decennio all'Anas e ai rappresentanti politici delle due regioni.

"Oggi, appena dopo il funerale di Mariangela e Elio penso che tutti noi che ci siamo occupati della Trignina, che percorriamo la Trignina per motivi di salute, di lavoro e di qualunque altro motivo, dobbiamo prendere un impegno solenne. Dobbiamo pretendere il raddoppio di quella strada. 

Non si può ancora abbandonare quella tratta di fondamentale e vitale importanza nell’asse Tirreno-Adriatico ad un sola corsia per ogni senso di marcia, è troppo rischioso e pericoloso.

Sono ormai troppi i morti dovuti ad una strada che concentra il traffico dell’intero Abruzzo Citeriore dopo Vasto e il Basso Molise oltre ai tanti automobilisti e camionisti della Campania.

Faccio un appello ai sindaci della vallata, ai consiglieri provinciali e regionali, ai presidenti delle due Regioni ed ai deputati delle medesime, di ammainare le bandiere, i vessilli e di unirsi in una battaglia comune per una vera e propria messa in sicurezza di quella strada che ci eviti ancora dolorosissime morti e decessi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi