Ipotesi accoglienza migranti a Guardiabruna: sabato incontro pubblico - Struttura potrebbe ospitarne 10, dubbi dei residenti
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Torrebruna   Attualità 07/11/2017

Ipotesi accoglienza migranti a Guardiabruna: sabato incontro pubblico

Struttura potrebbe ospitarne 10, dubbi dei residenti

GuardiabrunaAnche a Guardiabruna, frazione di Torrebruna, potrebbe presto aprire un centro per accogliere i migranti. La notizia in paese era nell'aria da tempo, ora a confermarla è l'incontro pubblico promosso dall'amministrazione comunale per discutere dell'argomento. La riunione si terrà sabato 11 novembre (ore 15.30) nell'ex palazzo scolastico della frazione.

Poche le informazioni a riguardo finora. La struttura individuata sarebbe di un privato e non si tratterebbe, quindi, di un'ex attività ricettiva o edificio pubblico come accaduto per altre realtà in zona; i numeri si aggirererebbero intorno alle 10 presenze. A gestirla dovrebbe essere il consorzio Matrix già presente nel territorio.

La notizia ha suscitato alcune perplessità. Guardiabruna conta meno di 200 residenti durante l'anno, in maggior parte anziani, "Non ci sono le condizioni ambientali – dicono alcuni lettori a zonalocale.it – Ci si chiede quale progetto di integrazione possa esserci in un centro così piccolo spesso a rischio isolamento con la neve e a causa delle condizioni delle strade". 

Per ora, non si conosce la modalità che si intende adottare: Sprar, Cas o Fami. Torrebruna, nel caso di apertura della struttura, si aggiungerebbe agli altri comuni che nel Vastese già accolgono migranti: Schiavi d'Abruzzo, Palmoli, Carunchio, Lentella, Celenza sul Trigno, Guilmi, Gissi, San Salvo e Vasto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi